Differenze tra le versioni di "Francisco Morazán"

nessun oggetto della modifica
}}
 
Con un colpo di Stato depose [[Manuel José Arce]] e si proclamò presidente delle cinque Province dell'America Centrale. Ha governato la Repubblica federale di America centrale durante il periodo turbolento del 1830-1839, a distanza di soli 9 anni dall'indipendenza dalla Spagna. Salì alla fama dopo la sua vittoria nella [[battaglia di La Trinidad]], l'11 novembre 1827. Da allora, e fino alla sua sconfitta in Guatemala nel 1840, Morazán dominò la scena politica e militare del Centro America. La direzione di Morazán come presidente della Repubblica federale promulgò le riforme liberali, che miravano a rimuovere il potere dai principali membri del partito conservatore: i creoli, che risiedevano a Nueva Guatemala de la Asunción, e gli ordini regolari della Chiesa cattolica. Le riforme includevano: educazione, libertà di stampa e religione, tra altre.
Con un colpo di Stato depose [[Manuel José Arce]] e si proclamò presidente delle [[Province Unite dell'America Centrale]]. Fu grande riformatore, ma causò la disgregazione della federazione e fu sconfitto nel [[Guatemala]] da [[Rafael Carrera]].
Morazán limitò il potere del clero secolare della Chiesa cattolica con l'abolizione della decima da parte del governo e la separazione dello Stato e della Chiesa.
 
Con queste riforme, Morazán si è fatto dei potenti nemici, e il suo periodo di governo fu segnato da aspre lotte interne tra liberali e conservatori. Tuttavia, grazie alla sua grande capacità militare, Morazán rimase saldo al potere fino al 1837, quando la Repubblica Federale fu irrevocabilmente frazionata. Questa rotura è stata sfruttata dagli ordini regolari della Chiesa e dai leader conservatori del Guatemala, che si sono uniti sotto la guida del generale guatemalteco [[Rafael Carrera]], e, per non permettere ai creoli liberali di togliere i loro privilegi, hanno finito per dividere in America centrale in cinque stati.
Nel [[1842]] lanciò l'invasione della [[Costa Rica]], ma fu fucilato a [[Cartago (Costa Rica)|Cartago]], dopo essere stato per breve tempo presidente dittatore.
 
Nel [[1842]] lanciò l'invasione della [[Costa Rica]], ma fu fucilato a [[Cartago (Costa Rica)|Cartago]]. [[José Martí]] lo descrisse come "un genio potente, uno grande stratega, un oratore, un vero statista, forse l'unico che ha prodotto l'America centrale". Nell'ottobre del 1842, i governi dell'America centrale, soddisfatti che Morazán fosse scomparso, ripresero i suoi rapporti con la Costa Rica.
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo