Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America: differenze tra le versioni

(→‎Lo scenario 1824: Corretto errore di battitura “è di è”)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
== Lo scenario 1824 ==
Il cosiddetto ''scenario 1824'', -che coniatoprende inil relazionenome alledalle [[Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1824|elezioni presidenziali USA del 1824]] -, si presenta qualora nessuno dei candidati ottenga un numero di voti elettorali (grandi elettori) sufficiente per vincere le elezioni<ref>''magic number'', pari nel 1824 a 131 grandi elettori</ref>, che al 2017 è di almeno 270. Questo può accadere in due modi: o nel caso in cui più di due candidati ottengano voti elettorali e nessuno raggiunga il 50%, o nel caso in cui i due candidati principali conseguano ciascuno esattamente la metà del plenum dei voti elettorali, che è attualmente 538. Se i concorrenti ottengono 269 voti ciascuno, significa che nessuno dei due ha raggiunto il "numero magico"; e pertanto occorre procedere in un altro modo. Se nessun candidato raggiunge la maggioranza dei voti elettorali, presidente e vicepresidente vengono scelti in base ai dettami del [[XII emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America|XII emendamento]]. Il presidente è scelto dalla [[Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti|Camera dei Rappresentanti]] fra i tre candidati che hanno ricevuto più voti, ma in questa votazione si vota per Stati: i rappresentanti di uno stesso Stato dispongono, collettivamente, di un solo voto. Un secondo ballottaggio per la scelta del vicepresidente si tiene al [[Senato degli Stati Uniti d'America|Senato]], con un voto per ogni senatore.
 
Nelle elezioni del 1824 ben quattro candidati ricevettero voti nel collegio elettorale: [[Andrew Jackson]] ricevette la maggioranza relativa dei voti elettorali espressi, ma non quella assoluta, e la Camera dei Rappresentanti scelse il suo sfidante [[John Quincy Adams]] in un ballottaggio a tre con anche [[William Harris Crawford]]. Il 1824 rappresenta l'unico esempio di applicazione del XII emendamento per le elezioni presidenziali. In tutte le altre elezioni presidenziali, vi è sempre stato un candidato che ha raggiunto la maggioranza assoluta dei voti elettorali espressi.
Utente anonimo