Differenze tra le versioni di "Sibilla Appenninica"

nessun oggetto della modifica
}}
 
La '''Sibilla Appenninica''', detta anche '''Sibilla Picena''' o '''Sibilla di Norcia''' è una figura dell'[[immaginario collettivo]] diffusasi a partire dal [[medioevo]] nell'area montana del [[Ascoli Piceno|Piceno]] e di [[Norcia]], in particolare appunto sui [[Monti Sibillini]], ai quali questa ha dato il nome.
 
Sebbene nei testi [[Medioevo|medievali]] si parli della Sibilla, la definizione di ''Sibilla Appennina'' compare per la prima volta solo nel [[1938]], nel libro di Augusto Vittori "Montemonaco nel Regno della Sibilla Appennina" con prefazione di Fernand Desonay.<ref>{{Cita pubblicazione|autore=Augusto Vittori|data=1938|titolo=Montemonaco nel Regno della Sibilla Appennina|editore=Libreria Editrice Fiorentina|città=Firenze}}</ref>