Apri il menu principale

Modifiche

m
A differenza della TC, la risonanza magnetica appare in grado di identificare precocemente le mutazioni morfologiche del fegato proprie della cirrosi e molte [[sequenze di risonanza magnetica|sequenze]] sono state introdotte per perseguire questo scopo. Miglioramenti in tal senso possono essere ottenuti mediante la somministrazione per [[fleboclisi|via endovenosa]] di mezzi di contrasto basati sul [[gadolinio]], che rende il tessuto fibrotico iperintenso nelle immagini pesate in T<sub>1</sub> con un ''enhancement'' progressivo.<ref name="pmid29951365"/> L'RM con somministrazione di mezzo di contrasto con gadolinio e acido gadoxetico disodico (Gd-EOB-DTPA) è una metodica, al 2017, emergente che permette di caratterizzare la funzione degli [[epatociti]] in fase epatobiliare,<ref name="pmid22504332">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Van Beers BE, Pastor CM, Hussain HK|data=August 2012|titolo=Primovist, Eovist: what to expect?|rivista=J. Hepatol.|volume=57|numero=2|pp=421–9|lingua=EN|doi=10.1016/j.jhep.2012.01.031|url=https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0168-8278(12)00248-6|pmid=22504332}}</ref> rilevando e differenziando la natura delle lesioni focali del fegato. Questa tecnica appare utile per la valutazione della funzionalità epatica nei pazienti cirrotici al fine di determinare la tempistica ottimale per eseguire una resezione epatica, una procedura di [[Shunt portosistemico intraepatico transgiugulare|TIPS]] o per un [[trapianto di fegato]].<ref name="pmid21908121">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Cho SH, Kang UR, Kim JD, Han YS, Choi DL|data=November 2011|titolo=The value of gadoxetate disodium-enhanced MR imaging for predicting posthepatectomy liver failure after major hepatic resection: a preliminary study|rivista=Eur J Radiol|volume=80|numero=2|pp=e195–200|lingua=EN|doi=10.1016/j.ejrad.2011.08.008|url=https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0720-048X(11)00662-0|pmid=21908121}}</ref><ref name="pmid21712472">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Yamada A, Hara T, Li F, Fujinaga Y, Ueda K, Kadoya M, Doi K|data=September 2011|titolo=Quantitative evaluation of liver function with use of gadoxetate disodium-enhanced MR imaging|rivista=Radiology|volume=260|numero=3|pp=727–33|lingua=EN|doi=10.1148/radiol.11100586|url=http://pubs.rsna.org/doi/10.1148/radiol.11100586?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori:rid:crossref.org&rfr_dat=cr_pub%3dpubmed|pmid=21712472}}</ref><ref name="pmid29951365"/>
 
Alcune tecniche particolari, come la [[Diffusione (RMN)|DWI-RM]] (''Diffusion Weighted Imaging'' RM), vengono frequentemente utilizzate per ottenere risposte più accurate e una corretta [[diagnosi differenziale]].<ref name="pmid30159792">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Mathew RP, Venkatesh SK|data=August 2018|titolo=Imaging of Hepatic Fibrosis|rivista=Curr Gastroenterol Rep|volume=20|numero=10|pp=45|lingua=EN|doi=10.1007/s11894-018-0652-7|url=https://dx.doi.org/10.1007/s11894-018-0652-7|pmid=30159792}}</ref><ref name="pmid30014204">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Keller S, Sedlacik J, Schuler T, Buchert R, Avanesov M, Zenouzi R, Lohse AW, Kooijman H, Fiehler J, Schramm C, Yamamura J|data=July 2018|titolo=Prospective comparison of diffusion-weighted MRI and dynamic Gd-EOB-DTPA-enhanced MRI for detection and staging of hepatic fibrosis in primary sclerosing cholangitis|rivista=Eur Radiol|lingua=EN|doi=10.1007/s00330-018-5614-9|url=https://dx.doi.org/10.1007/s00330-018-5614-9|pmid=30014204}}</ref> La [[risonanza magnetica di perfusione]] permette di valutare alcune alterazione emodinamiche tipiche della cirrosi, come la diminuzione della velocità del flusso sanguigno del parenchima epatico e del circolo portale o la formazione di ''shunt'' intraepatici.<ref name="pmid19959511">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Faria SC, Ganesan K, Mwangi I, Shiehmorteza M, Viamonte B, Mazhar S, Peterson M, Kono Y, Santillan C, Casola G, Sirlin CB|data=October 2009|titolo=MR imaging of liver fibrosis: current state of the art|rivista=Radiographics|volume=29|numero=6|pp=1615–35|lingua=EN|doi=10.1148/rg.296095512|url=http://pubs.rsna.org/doi/10.1148/rg.296095512?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori:rid:crossref.org&rfr_dat=cr_pub%3dpubmed|pmid=19959511}}</ref> Ciò nonostante, lo studio della [[perfusione]] può essere influenzato da numerosi fattori sistemici, per di più l'esame in sé richiede molto tempo, sia per l'acquisizione delle immagini che per la loro refertazione, oltre che necessitare, talvolta, di più di una iniezione di mezzo di contrasto.<ref name="pmid29951365" /> La [[risonanza magnetica colangiopancreatografica]] permette di studiare in modo più approfondito i [[sistema biliare|dotti biliari]].<ref name="pmid1947101">{{Cita pubblicazione|autore=|coautori=Wallner BK, Schumacher KA, Weidenmaier W, Friedrich JM|data=December 1991|titolo=Dilated biliary tract: evaluation with MR cholangiography with a T2-weighted contrast-enhanced fast sequence|rivista=Radiology|volume=181|numero=3|pp=805–8|lingua=EN|accesso=12 marzo 2018|doi=10.1148/radiology.181.3.1947101|pmid=1947101}}</ref>
 
[[file:CirrhosisWithAscitesMark.png|thumb|Un'altra TC addome in caso di fegato cirrotico con una discreta presenza di ascite (freccia rossa).]]
1 597

contributi