Apri il menu principale

Modifiche

Aggiunto template e riordinato le informazioni
{{Aristocratico
|prefisso onorifico = [[Signore (titolo nobiliare)|Signore]]
|nome = Niccolò Piccinino
|immagine = Pisanello - Codex Vallardi 2482.jpg
|legenda = [[Pisanello]], ''Ritratto di Niccolò Piccinino'', [[Codice Vallardi]], [[Louvre]]
|stemma =
|titolo =
|data di nascita = [[1386]]
|luogo di nascita = Callisciana (pressi di [[Perugia]])
|data di morte = [[15 ottobre]] [[1444]]
|luogo di morte = [[Cusago]]
|dinastia = Piccinino
|padre = Francesco Piccinino
|madre = Nina ?<ref>Si veda il collegamento esterno sul ''[[Dizionario Biografico degli Italiani]]''.</ref>
|consorte =
|figli = [[Francesco Piccinino|Francesco]]<br />[[Jacopo Piccinino|Jacopo]]<br />Angelo
|religione = [[Cattolicesimo]]
}}
{{Infobox militare
|Nome = Niccolò Piccinino
|Immagine = Pisanello, -medaglia Codexdi Vallardiniccolò 2482piccinino, recto.jpg
|Didascalia = [[Pisanello]], ''ritratto di Niccolò Piccinino''<br />raffigurato (dalnella [[Codicemedaglia Vallardi]],realizzata da [[LouvrePisanello]])
|Data_di_nascita = [[1386]]
|Nato_a = [[Perugia]]
|Data_di_morte = 15 ottobre [[1444]]
|Morto_a = [[Cusago]]
|Cause_della_morte = [[idropisiaIdropisia]]
|Luogo_di_sepoltura = [[duomoDuomo di Milano]], [[Milano]]
|Nazione_servita = <br />
|Forza_armata = [[Mercenari]]
* [[Braccio da Montone|Signoria di Montone]]
|Arma =
* [[Repubblica di Firenze]]
|Corpo =
* [[Ducato di Milano]]
|Forza_armataSpecialità =
|Unità =
|Anni_di_servizio = ventotto ([[1416]]-[[1444]])
|Reparto =
|Grado = [[capitano]]
|Anni_di_servizio = 28 ([[1416]]-[[1444]])
|Guerre =
|Grado = [[Condottiero]]
|Battaglie = [[Guerra dell'Aquila|L'Aquila]], [[Battaglia di Maclodio|Maclodio]], [[assedio di Lucca]], [[Cremona]], [[Delebio]], [[Castel Bolognese]], [[Cignano]], [[Barga]], [[Tenno]], [[Battaglia di Anghiari|Anghiari]], [[Assisi]], [[Monteleone d'Orvieto]], [[Tavullia|Monteluro]], [[Montolmo]]
|Ferite =
|Altro_lavoro =
|Comandanti =
|Guerre =
|Campagne =
|Battaglie =
* [[Liberazione di Roma (1409-1410)]]
* Assedio di [[Roccasecca]] (1411)
* [[Battaglia di Sant'Egidio]] (1416)
* [[Guerra dell'Aquila]] (1423-1424)
* [[Battaglia di Maclodio]] (1427)
* [[Assedio di Lucca]] (1429-1431)
* [[Battaglia del Serchio]] (1430)
* [[Battaglia di Anghiari]] (1440)
|Comandante_di =
|Decorazioni =
|Studi_militari =
|Frase_celebre =
|Note =
|Ref =
}}
{{Bio
|Nazionalità = italiano
}}
 
Fu [[Signore (titolo nobiliare)|signore]] di [[Albareto]], [[Borgo Val di Taro]], [[Borgonovo Val Tidone]], [[Calestano]], [[Candia Lomellina]], [[Castell'Arquato]], [[Castelponzone]], [[Compiano]], [[Costamezzana]], [[Fiorenzuola d'Arda]], [[Frugarolo]], [[Marzolara]], [[Orvieto]], [[Pellegrino Parmense]], [[Pianello Val Tidone]], [[Pontremoli]], [[Solignano]], [[Somaglia]], [[Tabiano]], [[Varano de' Melegari]], [[Varese Ligure]], [[Vigolone]] e [[Visiano]].
 
== Biografia ==
Nato a Callisciana, nei pressi di [[Perugia]], era figlio di un macellaio, fu avviato al mestiere di lanaiolo, ma preferì trasferirsi in [[Romagna]] come garzone di un uomo d'armi che gli insegnò l'arte della guerra.
 
[[File:Pisanello, medaglia di niccolò piccinino, recto.jpg|miniatura|sinistra|Niccolò Piccinino<br>medaglia di [[Pisanello]]]]
Nel [[1416]] iniziò la sua carriera militare al servizio di [[Braccio da Montone]].
Alla morte del suo condottiero, avvenuta durante la [[guerra dell'Aquila]] ([[1423]]-[[1424]]), subito seguita da quella del figlio di quest'ultimo, [[Oddo Fortebracci]], Piccinino divenne la guida della ''condotta'' di Braccio. Dopo un breve periodo al servizio della [[repubblica di Firenze]], servì [[Filippo Maria Visconti]], [[duca di Milano]] ([[1425]]), per il quale, insieme a [[Niccolò Fortebraccio]] combatté contro la lega formata dal [[papa Eugenio IV]], la [[repubblica di Venezia]] e [[Firenze]].<ref>Block, p. 31.</ref>
 
Nel [[1427]] prese parte alla [[battaglia di Maclodio]] a beneficio del [[ducato di Milano]].
Il duca lo inviò allora in [[Toscana]] nella speranza che i fiorentini ritirassero le forze mandate in aiuto di Venezia.
 
Devastò il [[Mugello]], vicino a [[Fiesole]] intercettò alcune lettere della [[Signoria cittadina|signoria]] fiorentina in cui si consigliava al capitano Piergiampaolo [[Piergianpaolo Orsini]] di non ''cercare'' la battaglia.
 
Piccinino indusse il duca di Milano a destinarlo in Umbria dove sperava, come altri condottieri, di conquistare un proprio dominio.
 
Il 29 giugno [[1440]] Niccolò si recò a [[Sansepolcro]], dove, lasciati i bagagli e arruolati 2.000 uomini del luogo che odiavano la città rivale, mosse contro [[Anghiari]]. Nella piana tra le due città l'esercito del duca, condotto dal Piccinino, venne travolto dai fiorentini comandati da [[Michele Attendolo|Micheletto Attendolo]] e Giampaolo Orsini: la battaglia verrà poi immortalata dal genio di [[Leonardo da Vinci]] negli studi per il perduto affresco della [[Battaglia di Anghiari]]. Al Piccinino non restò che ritornare in Lombardia.<ref>Ricotti, p. 77.</ref>
 
Nel febbraio del [[1441]], guidando le truppe milanesi, invase la bassa pianura bresciana, nel tentativo di riportarla sotto le insegne [[Visconti|viscontee]]. Venezia mosse il proprio esercito e lo affidò al conte [[Francesco Sforza]] che, partendo da Verona, marciò su Brescia e quindi discese fino a [[Cignano]] dove i due eserciti il 25 giugno si affrontarono.
 
Poco dopo, il 15 ottobre [[1444]], il condottiero si ammalò di [[idropisia]] e morì all'età di 58 anni: fu sepolto nel [[duomo di Milano]].
[[File:3439 - Milano - Duomo - Deambulatorio - Lapide x Francesco e Niccolò Piccinino - Foto Giovanni Dall'Orto - 6-Dec-2007a.jpg|thumb|upright=1.4|Epitaffio tombale di Niccolò Piccinino<br>[[Duomo di Milano]]]]
 
[[File:3439 - Milano - Duomo - Deambulatorio - Lapide x Francesco e Niccolò Piccinino - Foto Giovanni Dall'Orto - 6-Dec-2007a.jpg|thumb|upright=1.4|[[Duomo di Milano]], tomba di Niccolò Piccinino]]
== Famiglia ==
 
Niccolò Piccinino appare essere sposato sin dal 1423 con Angelella di Celano sorella di [[Jacovella da Celano|Covella]] figlie del defunto conte Nicola e sorelle del defunto Pietro<ref>Il Piccinino vincola alcuni beni dotali tra cui i castelli di Pescina, Cocullo Gagliano ecc. v. Rodolfo Lanciani, ''Il patrimonio della famiglia Colonna al tempo di Martino V. (1417-1431)'', in R. Società Romana di storia patria, 1897, pp.396 e 399.</ref>, poste per volontà di [[papa Martino V]] sotto la tutela di suo fratello Giordano [[Colonna (famiglia)|Colonna]] principe di Salerno. Successivamente sposò Gabriella da Sesto che, accusata di adulterio, fece uccidere.<ref>Fabretti, p. 123</ref>
== Discendenza ==
Niccolò Piccinino appare essere sposato sin dal [[1423]] con Angelella di Celano sorella di [[Jacovella da Celano|Covella]] figlie del defunto conte Nicola e sorelle del defunto Pietro<ref>Il Piccinino vincola alcuni beni dotali tra cui i castelli di Pescina, Cocullo Gagliano ecc., si veda Rodolfo Lanciani, ''Il patrimonio della famiglia Colonna al tempo di Martino V (1417-1431)'', in R. Società Romana di storia patria, 1897, p. 396-399.</ref>, poste per volontà di [[papa Martino V]] sotto la tutela di suo fratello Giordano [[Colonna (famiglia)|Colonna]] principe di Salerno. Successivamente sposò Gabriella da Sesto che, accusata di adulterio, fece uccidere.<ref>Fabretti, p. 123.</ref>
Suo figlio fu [[Jacopo Piccinino]] ([[1423]]-[[1465]]) che intraprese la carriera militare del padre.
 
== Note ==
<references />
 
== Bibliografia ==
* [[Ariodante Fabretti]], ''Biografia dei capitani venturieri dell'Umbria'', Montepulciano, 1842.
* [[Giovan Battista Bracciolini]], ''Vita di Niccolò Piccinino'', Venezia, 1572;
* [[Ercole Ricotti]], ''Storie della compagnie di ventura'', Torino, 1845.
* Wolfang Block, ''Die Condottieri'', Anghieri, Berlino, 1913;
* [[Giovan Battista Bracciolini]], ''Vita di Niccolò Piccinino'', Venezia, 1572.
* [[Ariodante Fabretti]], ''Biografia dei capitani venturieri dell'Umbria'', Montepulciano, 1842;
* [[Lorenzo Spirito Gualtieri]], ''L'altro Marte'', Vicenza, 1849.
* E. Ricotti, ''Storie della compagnie di ventura'', Torino, 1845;
* Wolfang Block, ''Die Condottieri'', Anghieri, Berlino, 1913.
* [[File:Gualtieri, Lorenzo - Altro Marte, 1489 - BEIC 2460289.jpg|thumb|''Altro Marte'', 1489]] [[Lorenzo Spirito Gualtieri]], ''L'altro Marte'', Vicenza, 1849.
*Serena Ferente, ''Niccolò Piccinino'', in Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani.
 
== Voci correlate ==
* [[BattagliaFrancesco di AnghiariPiccinino]]
* [[Jacopo Piccinino]]
* [[Liberazione di Roma (1409-1410)|Liberazione di Roma]]
* [[Battaglia di Sant'Egidio]]
* [[Guerra dell'Aquila]]
* [[Battaglia di Maclodio]]
* [[Assedio di Lucca]]
* [[Battaglia del Serchio]]
* [[Battaglia di Anghiari]]
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|commons=Category:Niccolò Piccinino}}
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|https://condottieridiventura.it/niccolo-piccinino/| Condottieri di ventura - Niccolò Piccinino}}
* {{collegamenti esterni}}
* Serena Ferente, [http://www.treccani.it/enciclopedia/niccolo-piccinino_%28Dizionario-Biografico%29/ {{Maiuscoletto|PICCININO, Niccolò}}], ''[[Dizionario Biografico degli Italiani]]'', Volume 83, 2015.
 
{{Controllo di autorità}}
{{portalePortale|biografieBiografie|storiaStoria}}
 
[[Categoria:Condottieri italiani]]
1 575

contributi