Apri il menu principale

Modifiche

 
== Storia ==
Fu inaugurato nel maggio del [[1960]], dopo tre anni di lavori, grazie all'impegno e alla lungimiranza di [[Lirio Arena]], di Antonio Fazi, di Antonio Bilei e dell'allora ministro [[Fernando Tambroni]], con l'obiettivo di far rinascere ad Ancona il [[teatro drammatico]] e dare ai suoi artisti un luogo nel quale realizzare le rappresentazioni in maniera continuativa. La sala degli spettacoli si caratterizzava per un ampio [[palcoscenico]] con [[boccascena]] da 12 metri, profondo 18 metri e con tre piani girevoli, impianto stereofonico ed apparato luci all'avanguardia. La [[platea (teatro)|platea]] poteva ospitare 320 spettatori seduti ed il teatro era completo di [[bar (pubblico esercizio)|bar]], [[foyer]], sala prove, camerini e direzione. In attesa della riapertura del [[Teatro delle Muse]], lo Sperimentale divenne il teatro cittadino e per finanziarne le spese di gestione fu costituito un comitato di sostenitori che diede solidità finanziaria consentendo alle migliori compagnie italiane di esibirvisi. Nel [[1965]] nacque l'Ente Autonomo Assistenza Artisti Marchigiani per sostenere il teatro dorico. Nel [[1967]] si decise di ampliare il teatro con l'acquisto dell'area circostante, ma la morte nel [[1968]], del direttore Lirio Arena colpì duramente lo Sperimentale e rallentò l'iter decisionale. I lavori di ampliamento furono avviati solo nel [[1974]] dopo la risoluzione delle difficoltà economiche e burocratiche. La riapertura al pubblico avvenne nel [[1979]].
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo