Differenze tra le versioni di "Riparto di giurisdizione"

nessun oggetto della modifica
(+Wikificare)
[[Immagine:Derecho.svg|thumb|200px|]]
{{W|diritto|aprile 2007|firma=[[Utente:Jaqen|Jaqen]] [[Discussioni utente:Jaqen|<small>il Telepate</small>]] 18:29, 28 apr 2007 (CEST)}}
Il '''riparto di giurisdizione''' è un insieme di regole da utilizzarsi per individuare il [[giudice]] competente, in modo particolare quando si voglia intentare una causa contro la [[pubblica amministrazione]]. Naturalmente, il rilievo giuridico dei criteri di riparto cessa se è la stessa [[legge]] che attribuisce espressamente la [[giurisdizione]] al giudice ordinario o al giudice amministrativo.<br />
 
==La decisione sul riparto di giurisdizione==
Il riparto di giurisdizione è un insieme di regole da utilizzarsi per individuare il giudice competente, in modo particolare quando si voglia intentare una causa contro la pubblica amministrazione.
A decidere sul riparto sono le Sezioni Unite della [[Corte di Cassazione]], che devono determinare in modo definitivo il giudice dotato di [[giurisdizione]].<br />
Il sistema processuale italiano, infatti, conosce due organi giurisdizionali ipoteticamente competenti: il giudice ordinario e il [[Tribunale Amministrativo Regionale|giudice amministrativo]].<br />
In linea generale, in base all'art. 2 L.A.C. (L. n. 2248/1865 All. E, concernente l'abolizione del contenzioso amministrativo) le questioni afferenti a ''diritti civili o politici'' ([[diritti soggettivi]]) sono di competenza del giudice ordinario ([[Tribunale]], [[Corte d'appello]] e [[Corte di Cassazione]], anche quando vengano coinvolti da un [[atto amministrativo|provvedimento amministrativo]]. In tal caso il [[giudice]] non può riformare, annullare o modificare l'atto amministrativo, ma deve limitarsi a disapplicarlo, decidendo la controversia come se tale provvedimento non fosse mai esistito.<br />
Ai sensi del successivo art. 3, invece, ''"gli affari non compresi nell'articolo precedente"'', ossia le controversie relative a quegli [[interesse legittimo|interessi]] giuridicamente rilevanti diversi dai diritti soggettivi, che poi assumeranno il nome di interessi legittimi, rientrano nella giurisdizione del giudice amministrativo.<br />
 
Il riparto di giurisdizione basato sulla dicotomia diritto soggettivo/giudice ordinario - interesse legittimo/giudice amministrativo costituisce la regola generale, a cui si contrappone, ai sensi dell'art. 103 Cost., la regola di riparto fondata sui "blocchi di materie", di carattere residuale. Infatti, ai sensi della citata disposizione costituzionale, i giudici amministrativi hanno giurisdizione, in particolari materie indicate dalla legge, anche dei diritti soggettivi.
==Gli attuali criteri di riparto==
La regola fondata sui "blocchi di materie" è stata ridimensionata dalla Corte Costituzionale nella nota sentenza n. 204/2004, in quanto la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo sarebbe legittima solo quando, agendo la pubblica amministrazione come autorità, vi sia un "inestricabile nodo" di interessi legittimi e diritti soggettivi che renda opportuna, per esidenze di concentrazione processuale, la sola giurisdizione del giudice amministrativo.
Il riparto di giurisdizione basato sulla dicotomia [[diritti soggettivi|diritto soggettivo]]/giudice ordinario - [[interesse legittimo]]/giudice amministrativo dal [[1949]] costituisce la regola generale, a cui si contrappone, ai sensi dell'art. 103 [[Costituzione|Cost.]], la regola di riparto fondata sui "blocchi di materie", di carattere residuale. Infatti, ai sensi della citata disposizione costituzionale, i giudici amministrativi hanno [[giurisdizione]], in particolari materie indicate dalla [[legge]], anche dei diritti soggettivi.<br />
La regola fondata sui "blocchi di materie" è stata ridimensionata dalla [[Corte Costituzionale]] nella nota sentenza n. 204/[[2004]], in quanto la [[giurisdizione esclusiva]] del giudice amministrativo sarebbe legittima solo quando, agendo la [[pubblica amministrazione]] come autorità, vi sia un "inestricabile nodo" di interessi legittimi e diritti soggettivi che renda opportuna, per esidenzeesigenze di concentrazione processuale, la sola giurisdizione del giudice amministrativo.
 
==I criteri di riparto affermatisi prima del 1949==
Dal [[1891]] e fino al [[1949]] si erano affermati in [[giurisprudenza]] altri criteri di riparto, basati via via:
* sulla ''causa petendi''
* sulla distinzione tra ''atti di imperio'' e ''atti di gestione''
* sul ''petitum'' formale
* sul ''petitum'' sostanziale
* sulla ''prospettazione'' che il ricorrente avesse fatto dell'oggetto della controversia.
 
La eterogeneità dei criteri individuati e le oscillazioni giurisprudenziali erano dovuti al fatto che la concezione di [[diritti soggettivi|diritto]] allora accolta era ben diversa da quella attuale; si affermava comunemente che un ''diritto'' restava tale (una volta nato dalla [[legge]], da un [[atto amministrativo|atto]] o da un [[contratto]]) anche se fossero stati emanati successivi [[atto amministrativo|provvedimenti]]: era la cd. ''concezione forte del diritto'' che, fin dal [[1816]], rendeva il diritto stesso una posizione ''forte'' che niente può scalfire.<br />
Il noto '''caso Laurens''' del [[1891]] è una vicenda giudiziaria che testimonia questo stato di cose.<br />
Una certa legge disciplinava l'emigrazione allo scopo di arginarla, ma non vietava agli armatori di imbarcare passeggeri per porti esteri. Eugenio Laurens era un armatore con regolare "patente", ma si vide negare la possibilità di portare passeggeri da una circolare ministeriale. <br />
La questione finì dinanzi alle [[Corte di cassazione|Sezioni Unite]], le quali affermarono la [[giurisdizione]] del giudice ordinario, poiché:
* essendo il diritto di imbarcare passeggeri nato dalla "patente", qualsiasi atto successivo non fa venir meno la posizione di vantaggio acquisita dal soggetto;
* il Ministro aveva vietato un'attività che nessuna legge gli consentiva di vietare (con terminologia oderna, si direbbe che aveva agito in "carenza di potere").
 
Fu il '''caso Grixoni''' del [[1895]] che invece portò le [[Corte di Cassazione|Sezioni Unite]] ad affermare il criterio del riparto di giurisdizione basato sulla "prospettazione del privato".<br />
Grixoni era un parroco che aveva stipulato una convenzione pubblica, e ne aveva ricevuto dei benefici. L'allora Ministero di Grazia e Giustizia emanò un provvedimento con cui contestava i "diritti" del parroco (nascenti da contratto).<br />
Con la sentenza del 1895, le Sezioni Unite affermarono che della questione potevano occuparsi sia il giudice ordinario che il giudice amministrativo "a seconda di quanto avesse chiesto il privato nel ricorso", abbandonando la concezione "forte" del diritto.
 
==Il sistema del cd. contenzioso amministrativo==
 
Prima del [[1865]] non si era ancora affermato il [[separazione dei poteri|principio di separazione dei poteri]] e vi era il sistema del contenzioso amministrativo: questo comportava che gli atti lesivi per il cittadino (ad es. [[requisizione]], [[espropriazione|esproprio]], etc.) erano impugnabili in [[ricorso amministrativo|sede amministrativa]] oppure in via gerarchica o ancora presso particolari collegi, e in ultima analisi si poteva ricorrere al Re.<br />
Etra esclusa l'esperibilità di un'[[processo (diritto)|azione giudiziaria]] nei confronti della [[pubblica amministrazione]], in quanto si seguiva ancora il criterio per il quale i [[diritti soggettivi]] sono concepibili solo nei rapporti tra privati.<br />
 
{{diritto}}
[[Categoria:Diritto amministrativo]]
2 685

contributi