Differenze tra le versioni di "Porta San Pancrazio"

Secondo me la traduzione dal latino parla di anno ottavo del pontificato visto che papa Mastai Ferretti regnò dal 1846. Inoltre l'anno citato, a mio parere, è il 1849 durante il quale si verificarono effettivamente gli avvenimenti bellici. Leggendo infatti l'iscrizione si legge "BELLI IMPETU AN CHRIST M DCCC IL DISIECTAM" che si può tradurre " L'IMPETO DELLA GUERRA DELL'ANNO DI CRISTO 1849 DISTRUSSE" anche se i numeri romani per 1849 non seguono la scrittura ortodossa "MD CCC XLIX".
(Secondo me la traduzione dal latino parla di anno ottavo del pontificato visto che papa Mastai Ferretti regnò dal 1846. Inoltre l'anno citato, a mio parere, è il 1849 durante il quale si verificarono effettivamente gli avvenimenti bellici. Leggendo infatti l'iscrizione si legge "BELLI IMPETU AN CHRIST M DCCC IL DISIECTAM" che si può tradurre " L'IMPETO DELLA GUERRA DELL'ANNO DI CRISTO 1849 DISTRUSSE" anche se i numeri romani per 1849 non seguono la scrittura ortodossa "MD CCC XLIX".)
In occasione del rifacimento ottocentesco venne posta sull'attico la seguente iscrizione:
{{Citazione
|Pio IX Pontefice Massimo ricostruì nell'anno 1854, settimoottavo del pontificato, come dimora per accogliere i soldati del presidio e come padiglione per esigere le gabelle, la porta fortificata costruita a presidio della città sulla sommità del Gianicolo dal Pontefice Massimo Urbano VIII, distrutta dall'impeto della guerra nel 18541849 - curatore A.G.Torquato prefetto dell'erario
|
|<small>PORTAM PRAESIDIO URBIS IN IANICULO VERTICE<br />AB URBANO VIII PONT. MAX. EXTRUCTAM COMMUNITAM<br />BELLI IMPETU AN. CHRIST. MDCCCLIV DISIECTAM<br />PIUS IX PONT. MAXIMUS<br />TABERNA PRAESIDIARIS EXCEPIENDIS<br />DIAETA VECTIGALIBUS EXIGENDIS<br />RESTITUIT<br />ANNO DOMINI MDCCCLIV PONTIFICATUS VIII<br />ANGELI GALLI EQ TORQUATO PRAEFECTO AERARII CURATORI</small>
Utente anonimo