Differenze tra le versioni di "Postulato"

228 byte aggiunti ,  2 anni fa
Formattazione; punteggiatura; spaziature; corrette Note.
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(Formattazione; punteggiatura; spaziature; corrette Note.)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione Android
Il '''postulato''', dal latino ''postulatum'' (''«ciò che è richiesto»''), è una proposizione che, senza essere stata preventivamente dimostrata come vera, viene assunta come se lo fosse al fine di giungere logicamente alla verità di una qualche asserzione.<ref>''Enciclopedia Garzanti di filosofia'' (1981) alla voce corrispondente.</ref>. Ad esempio, nella ''[[Critica della ragion pratica]]'', [[Immanuel Kant|Kant]] sostiene che chi aspira a conseguire come fine della sua azione morale il "sommo bene", inteso come "il bene più completo" (coincidenza di virtù e felicità), deve accettare il postulato dell'immortalità dell'[[anima]]: poiché solamente la condizione di santità arreca all'uomo il sommo bene, e poiché essa è possibile solo nell'aldilà, si deve affermare che il soggetto morale deve avere a sua disposizione un tempo illimitato ed infinito assicuratogli da un'anima immortale <ref>{{cita libro|autore=Maurizio Pancaldi, |autore2=Maurizio Villani, ''|titolo=La biblioteca filosofica: 100 grandi opere dall'antichità ai giorni nostri'', |editore=[[Hoepli editore,(casa editrice)|Hoepli]]|città=Milano|anno=2015 cap.|capitolo=57 }}</ref>.
 
Il postulato nella filosofia antica si distingueva dall'[[assioma]], considerato come un'asserzione tanto evidente da non avere bisogno di alcuna dimostrazione <ref>''Dizionario di filosofia Treccani'' (2009) alla voce ''"postulato"''.</ref>. Nella [[Aristotele|dottrina aristotelica]] l'assioma è ''«...quel principio che deve essere necessariamente posseduto da chi vuole apprendere alcunché» ''<ref>Aristotele, ''Analitici secondi'' in ''Dizionario di filosofia'', Treccani''.</ref>, oppure ''«la proposizione prima da cui parte la dimostrazione»''. Per gli [[stoicismo|stoici]] gli assiomi invece rientravano in ''«ciò che è vero o falso»'' e quindi erano enunciati che non avevano un valore certo e indubitabile di verità come sosteneva Aristotele <ref>''Enciclopedia Garzanti di filosofia'' (1981), alla voce ''"assioma"''.</ref>. In quanto verità note a tutti, gli assiomi venivano anche considerati delle ''nozioni comuni'' (gr. plur. ''koinai ennoiai''), come li chiamava [[Euclide]] nei suoi ''[[Elementi di Euclide|Elementi]]'' <ref>[{{cita web|url=http://progettomatematica.dm.unibo.it/GeometrieNonEuclidee/par3.html|sito=UniBO.it|titolo= Euclide, - Il libro primoI degli ''Elementi''], struttura e contenuti|accesso=17 febbraio 2019}}</ref>.
 
Nella terminologia logica attuale, il termine postulato viene considerato come sinonimo di assioma a partire dalla fine del XIX secolo, specialmente per opera di [[Gottlob Frege]], [[Giuseppe Peano]], [[Bertrand Russell]] e [[David Hilbert]] <ref>''Enciclopedia Treccani'', alla voce ''"postulato"''.</ref>.
 
==Note==