Differenze tra le versioni di "Battaglia di Halbe"

(→‎La situazione tedesca: Fix link V. Armeekorps (Wehrmacht))
La speranza del generale [[Theodor Busse|Busse]] era quella di utilizzare le sue scarse riserve di artiglieria e mezzi corazzati come un grimaldello per scardinare le difese sovietiche e lanciarsi verso ovest. La sacca in cui la IX Armata era stata spinta dalle truppe del 1FU e del 1FB era una regione di laghi e foreste nei pressi della [[Sprea]], a sud-est di [[Fürstenwalde]]. Nonostante l'obiettivo primario fosse rappresentato dal completamento dell'assedio intorno a [[Berlino]], il Comando sovietico diede ordine a un discreto numero di truppe di attaccare i reparti tedeschi nascosti nella sacca: fu così che nel pomeriggio del 25 aprile la III, la XXXIII e la LXIX Armata attaccarono da nord-est le posizioni tedesche. L'obiettivo dei sovietici era quello di annientare le forze nemiche intrappolate, impedendone la fuga verso ovest.
 
[[Ivan Konev|Konev]], il comandante del 1FU, sapeva che per fuggire dalle loro posizioni e ricongiungersi ad ovest con la XII Armata, le forze tedesche avrebbero dovuto attraversare l'[[Bundesautobahn 13|autostrada [[Berlino]]-[[Dresda]], puntando poi verso occidente. Per questo il Maresciallo sovietico prese alcune precauzioni per rendere difficili le operazioni ai tedeschi: pose due corpi a difesa di tale varco, fece abbattere molti alberi al fine di migliorare la visibilità e avviò la fortificazione della posizione con difese anticarro e artiglieria. Nonostante l'impegno dei soldati sovietici, però, rimase ancora un piccolo varco tra le truppe sovietiche che pattugliavano l'area.
 
=== La situazione delle forze sovietiche ===
Utente anonimo