Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
[[File:Offside icon.svg|left|thumb|La bandierina dell'assistente arbitrale può essere a quadri gialli e rossi, oppure interamente gialla]]
{{vedi anche|Assistente arbitrale (calcio)}}
IaLa direzione e controllo della partita da parte dell'arbitro avviene classicamente con la collaborazione di soli due suoi [[Assistente arbitrale (calcio)|assistenti]], che formano con l'arbitro la terna arbitrale.
 
Nelle gare più importanti e nei campionati di vertice, viene designato, oltre che all'arbitro e due assistenti, anche un quarto ufficiale di gara, chiamato comunemente "quarto uomo", e in caso straordinario può essere designato anche un [[Assistente arbitrale (calcio)#Assistente di riserva|assistente di riserva]], detto anche "quinto uomo".
 
Le gare dei campionati di vertice italiani ([[Serie A]]/[[Serie B]], [[Coppa Italia]]) e internazionali, svolte sotto egida [[FIFA]] e [[Union of European Football Associations|UEFA]], normalmente vedono in pianta stabile la presenza di cinque ufficiali di gara (arbitro, [[Assistente arbitrale (calcio)|assistenti]], quarto ufficiale, Var e Avar).
Dalla stagione [[Serie A 2017-2018|2017/2018]] viene introdotto in Serie A il sistema [[Video Assistant Referee|VAR]], e con esso si vede la nascita di due nuovi ufficiali di gara denominati '''VAR''' e '''AVAR,''' e per tale motivo vengono "soppressi" gli Assistenti addizionali d'area.
 
Nelle gare dei campionati semiprofessionisticisemi-professionistici nazionali (dalla [[Serie C]] in giù, fino alla Promozione) e dilettantistiche regionali, le gare vengono di norma dirette da soli tre ufficiali (arbitro e i suoi classici due assistenti).
 
Normalmente anche le gare dilettantistiche di [[Eccellenza (calcio)|Eccellenza]] e [[Promozione (calcio)|Promozione]] sono dirette dalla terna arbitrale.
== Organizzazione arbitrale in Italia ==
{{vedi anche|Associazione Italiana Arbitri}}
In Italia tutte le gare considerate ufficiali o comunque organizzate o autorizzate dalla [[FIGC]], dalle leghe o dai comitati locali da essa dipendenti, devono essere obbligatoriamente dirette da arbitri federali designati dal competente organo tecnico dell'[[Associazione Italiana Arbitri]].
 
Gli organi tecnici riconosciuti dall'Associazione italiana Arbitri si distinguono in diversi livelli:
 
si parte dall'[[Organo Tecnico Sezionale|O.T.S.]] (Organo Tecnico Sezionale) un tempo chiamato O.T.P. (Organo Tecnico Provinciale), che designa le gare di competenza delle singole sezioni (spesso di livello provinciale); O.T.R. (Regionale) che designa gare di competenza regionale (come la Promozione); per poi passare agli O.T.N. Nazionali che passano dalla C.A.I.(Commissione Arbitri Interregionale), C.A.N. D, CAN PROC, CAN B e così via fino alla massima serie nazionale [[Commissione Arbitri Nazionale|C.A.N. A]].<ref>Art. 31 Statuto FIGC</ref>
 
In caso della mancanza dell'arbitro designato all'ora di inizio della gara, le società hanno l'obbligo di cercare un altro arbitro federale che può sostituire il collega, secondo le modalità previste dal [[Regolamento del giuoco del calcio|Regolamento]], e in genere si fa ricorso al "'''Pronto AIA'''" che è un servizio messo a disposizione dal competente O.T. per poter reperire alla svelta un arbitro, che possa sostituire il collega.
* [[Lega Pro]] (ex Serie C) [[Prima Categoria|(Terna Arbitrale)]];
* [[Serie B|Serie B (arbitro)]], [[Assistente arbitrale (calcio)|assistenti]], e solo ai playoff e playout quarto ufficiale;
* [[Serie A|Serie A (arbitro)]], [[Assistente arbitrale (calcio)|assistenti]], e quarto ufficiale, VAR e AVAR);
* Livello internazionale.
 
150

contributi