Differenze tra le versioni di "Ebrei della Cina"

→‎Gli ebrei di Kaifeng: Aggiornamento e piccole correzioni
m (Bot: orfanizzo redirect Mizrahi)
(→‎Gli ebrei di Kaifeng: Aggiornamento e piccole correzioni)
La maggior parte delle informazioni sugli ebrei che vivono in Cina nel XVIII secolo ci giungono dal padre [[gesuiti|gesuita]] Jean Domenge. Con sorpresa e delusione dei cristiani, padre Domenge osservava che i testi Kaifeng, liberi da ogni influenza [[talmud]]ica, avevano probabilmente subìto uno stravolgimento rispetto ai testi originali, in un modo non molto diverso dalla [[Bibbia di Amsterdam]].
 
Viene riferito, secondo la teoria più generalmente accettata, che gli ebrei di Kaifeng giunsero in Cina nel IX secolo percorrendo la [[Via della Seta]], provenienti dalla [[Persia]] o dall'[[India]], attraverso l'[[Afghanistan]]. Si sarebbero infine stabiliti nella città di [[Kaifeng]], capitale della Cina al tempo della [[dinastia Song]] ([[907]]-[[1279]]).
 
Questa popolazione ebraica viveva in un totale isolamento, coltivando, fino al XVI secolo, non avendo mai sentito parlare di Cristianesimo, un ebraismo fortemente influenzato dal [[Confucianesimo]]. Solo quando presero contatto con il sacerdote gesuita [[Matteo Ricci]], giunto nella [[Terra di Mezzo]] per [[evangelizzazione|evangelizzare]] la Cina, riscoprirono le loro origini religiose occidentali. Intorno al [[1850]], dopo la distruzione dell'ultima [[sinagoga]], la comunità ebraica cinese avrebbe gradualmente perso tutta la sua coesione fino a praticamente scomparire nei primi anni del XX secolo, per riconoscersi successivamente solo come comunità religiosa organizzata. Vennero così autorizzati matrimoni tra donne cinesi e uomini ebrei, ma non tra uomini cinesi e donne ebree. Questa regola spiega le caratteristiche asiatiche degli ebrei cinesi fotografati dalla fine del XIX secolo.
 
Nel [[1908]], il [[Sinologia|sinologo]] francese [[Paul Pelliot]] scopre un manoscritto ebraico nelle grotte di Tunhuang. Nel [[1921]] pubblica un articolo sulla rivista T'oung Pao, riferimento per lo studio della sinologia del tempo, un articolo sugli ebrei di Kaifeng.
 
Vi sono poco più di 600 ebrei in tutta la [[Repubblica popolare cinese]] e vivono soprattutto nella città di Kaifeng: non sono mai stati riconosciuti dal governo come gruppo etnico minore, e ancora adesso sono alla ricerca della loro identità.
 
Per recuperare le loro radici religiose, privi di testi religiosi ebraici di origine cinese o vera conoscenza di ebraismo, igli ebrei di Kaifeng si sono basati sia sulle tradizioni familiari che dall'aiuto di ebrei stranieri. Alcuni hanno iniziato ad emigrare in Israele. Hanno potuto godere per alcuni anni a Kaifeng dell'aiuto di organizzazioni ebraiche internazionali, ma con la politica più restrittiva introdotta dal presidente [[Xi Jinping]] questi aiuti sono stati vietati e una serie di strutture culturali e religiose che erano state create sono state chiuse.<ref>Ty Joplin, [https://it.bitterwinter.org/il-pcc-sta-zittendo-la-piccola-comunita-ebraica-di-kaifeng/ Il PCC sta zittendo la piccola comunità ebraica di Kaifeng], ''[[Bitter Winter]'', 18 gennaio 2019.</ref>
 
== Nel [[XX secolo]] ==
103

contributi