Differenze tra le versioni di "Dazio"

235 byte aggiunti ,  2 anni fa
(fix immagine)
(→‎Caratteristiche ed utilizzo: Aggiungo immagine)
 
== Caratteristiche ed utilizzo ==
[[File:Milan - Arco della Pace.jpg|thumb|Sulla sinistra uno dei due caselli daziari di Porta Sempione a Milano, la cui corrispondente [[Porte e pusterle di Milano|porta cittadina]] è l'[[Arco della Pace]], che si vede sulla destra]]
 
I dazi possono consistere anche in tasse sulle esportazioni; tipico è l'esempio dei paesi a basso livello di reddito pro-capite ma con ingenti ricchezze naturali: applicando un dazio sulle esportazioni delle proprie materie prime aumentano le loro entrate [[erario|erariali]].<br />
Il dazio è direttamente legato alla classificazione internazionale della merce, ottenuta utilizzando la [[tariffa doganale]], ed è applicato ai beni provenienti da nazioni con cui non siano stati stipulati accordi [[origine preferenziale|preferenziali]]. Il calcolo del dazio avviene in sede di dichiarazione doganale e può essere stabilito in vari modi: sul valore della merce in arrivo (valore teorico della merce al momento dell'entrata nello stato/comunità di stati, cioè valore di fattura aumentato o diminuito del costo del [[trasporto]] in base ai termini di resa concordati in base all'[[Incoterms]]), sulla quantità di merce introdotta (tassazione in base ad un'[[unità di misura]] specifica) o in modo misto tra i due metodi precedenti. In Italia in passato l'entità dei dazi interni era spesso determinata pesando su un [[peso pubblico]] le merci che entravano in un determinato territorio.<ref>{{ Cita libro | pagine = 193 | titolo = Dazi ed imposte comunali commento delle leggi e dei regolamenti riguardanti i dazi e tutte le altre imposte autorizzate a favore dei comuni ... per Carlo Astengo ed Edoardo Martino | editore = Pirola | autore = Carlo Astengo, Edoardo Martino | anno = 1873 }}</ref>