Differenze tra le versioni di "Treno FS ETR.500"

m
Ho effettuato alcune modifiche di sintassi del testo, aggiungendo qualche acronimo più tecnico.
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta10))
m (Ho effettuato alcune modifiche di sintassi del testo, aggiungendo qualche acronimo più tecnico.)
|Dati_tratti_da={{cita|Vanni, ''Materiale''|pp. 253-255|Materiale}}
}}
L''''ETR.500''' è il primo [[Alta velocità ferroviaria|treno ad alta velocità]] a cassa non oscillante costruito in [[Italia]]; il suo progetto partì negli [[anni 1980|anni ottanta]] per vedere la luce, con alcuni cambiamenti, negli [[Anni 1990|anni novanta]] con la produzione in serie e l'utilizzo da parte di [[Trenitalia]]. Viene classificato spesso come [[elettrotreno]], come indica la sigla ETR, ma, a livello tecnico, non lo è in senso proprio poiché non è a potenza distribuita, mabensì a potenza concentrata: ovvero, è composto da due locomotive del Gruppo E.404 in doppiaDoppia Trazione trazioneSimmetrica simmetrica(DTS) inquadranti un numero variabile di carrozze intermedie non motrici (fino a 14 elementi, composizione comunque mai utilizzata in servizio) tra le due motrici.
 
Il suo progetto è stato sviluppato dal [[consorzio TREVI]] (TREno Veloce Italiano), costituito da [[Ansaldo]], [[Breda Costruzioni Ferroviarie|Breda]], [[Fiat Ferroviaria]], [[Tecnomasio Italiano-Brown-Boveri|ABB Tecnomasio]] e [[Firema Trasporti]], ovvero il ''gotha'' italiano della produzione ferroviaria. La parte [[stile|stilistica]], [[ergonomia|ergonomica]] e lo studio degli ambienti interni è ad opera dell'azienda di progettazione italiana [[Pininfarina]]. Alcuni modelli vennero rivisti negli spazi e negli arredamenti interni dalla [[Italdesign]], in concomitanza con l'arrivo commerciale dell'Alta Velocità in Italia.
5

contributi