Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 4 mesi fa
m
Bot: accenti
Tramite utilizzo di tutta la pianta previa trinciatura, è il componente principale nel processo di digestione anaerobica finalizzata alla produzione di biogas per la produzione di energia elettrica. Il processo consiste nella demolizione naturale della sostanza organica, attraverso l’azione di batteri, in una miscela di metano e anidride carbonica, che viene definita ormai universalmente biogas. Il contenuto di metano (CH4) può superare il 60% in volume. La trasformazione avviene in digestori, in assenza di ossigeno, in condizioni ottimali di temperatura (normalmente compresa tra circa 30 e 60 °C) e con i tempi necessari: 15-60 giorni o anche più. Tipicamente il 30-60% dei solidi in ingresso nel digestore viene convertito in biogas. Il co-prodotto di reazione è un refluo (spesso definito digestato) che consiste normalmente di fibre non digerite e di varie sostanze solubili in acqua. La produzione di metano viene convertita in elettricità attraverso motori endotermici.
 
E'È un combustibile molto apprezzato con un [[Potere calorifico|potere calorifero inferiore]] molto elevato, pari a 15,88&nbsp;MJ/kg (con umidità del macinato all'11%)<ref>{{cita web|http://www.torinoscienza.it/articoli/nella_caldaia_granella_di_mais_1564|NELLA CALDAIA, GRANELLA DI MAIS|25-10-2007}}</ref>.
 
Può essere utilizzato direttamente e senza alcun trattamento per il riscaldamento domestico in stufe appositamente predisposte. Alcune stufe a pellet utilizzano una miscela con il 30% di pellet di legno e il restante 70% in grani di mais. La combustione del mais per la produzione di calore è particolarmente indicata quando la coltura è affetta da [[micotossine]] che ne rendono non più commestibile la produzione.
2 719 800

contributi