Differenze tra le versioni di "San Salvatore Telesino"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  10 mesi fa
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
L'abbazia benedettina di San Salvatore venne edificata intorno al [[X secolo]]. Il primo abate di cui si ha notizia è un certo Leopoldo, citato nel 1075. Nel 1098 l'abate Giovanni ricevette [[Sant'Anselmo d'Aosta]] che secondo alcuni storici vi terminò di scrivere l'opera dal titolo ''[[Cur Deus homo]]''. Dal 1127 al 1143 fu abate [[Alessandro Telesino]], uomo di grande cultura e abilità politica che fece vivere al complesso religioso il suo periodo di massimo splendore. Nel 1343 l'abate Vito dovette domare una ribellione degli abitanti del feudo di [[Castel Campagnano]], rifiutatisi di versare il censo all'abbazia. Alla fine del XV secolo iniziò il lungo periodo di decadenza. Nella chiesa, a tre navate, è possibile ammirare la volumetria architettonica originaria, recentemente restaurata. Vi si conserva un pregevole affresco del 1300 raffigurante [[Santa Scolastica]]. Nell'abbazia, che dal 2010 ospita una raccolta archeologica, è sito il "pozzo di Sant'Anselmo" che secondo la tradizione fu scavato in un luogo indicato dal Santo durante la sua permanenza a San Salvatore.<ref name="cita|Appunti|p. 40"/>
 
==== Chiesa di Santa Maria FilippaAssunta ====
Situata nel cuore del centro storico presenta nella facciata un Maiolicato con l'effige di Santa Maria Assunta realizzato nel 1966. La chiesa è costituita da due navatelle e da una navata maggiore; nelle navatelle sono presenti due cappelle, una dedicata all'Istituzione dell'Eucaristia, mentre l'altra è dedicata alla Madonna Addolorata, ma all'interno della chiesa è presente una terza cappella accanto all'altare maggiore che sarebbe la cappella del Santissimo Sacramento.
 
Utente anonimo