Apri il menu principale

Modifiche

Corretto errore di battitura
Nella [[fisica classica]] [[Isaac Newton|newtoniana]] la gravità è interpretata come una [[forza conservativa]] di attrazione [[Azione a distanza (fisica)|a distanza]] agente fra corpi dotati di [[massa (fisica)|massa]], secondo la [[legge di gravitazione universale]]. La sua manifestazione più evidente nell'esperienza quotidiana è la [[forza peso]].
 
L'attuale teoria più completa, la [[relatività generale]], interpreta l'interazione gravitazionale come una conseguenza della curvatura dello [[spaziotempo]] creata dalla presenza di corpi dotati di [[Massa (fisica)|massa]] o [[energia]] (una piccola massa a grande velocità o una grande massa in quiete hanno lo stesso effetto di deformazione sulla curvatura dello spazio-tempospaziotempo circostante). Il [[campo gravitazionale]] che ne deriva è rappresentato matematicamente da un [[tensore metrico]] legato alla curvatura dello spazio-tempo attraverso il [[tensore di Riemann]]. In tale contesto la forza peso diventa una [[forza apparente]], conseguenza della geometria dello spaziotempo indotta dalla massa terrestre.
 
== Storia ==