Differenze tra le versioni di "Onofrio del Grillo"

→‎Cinema: riscrittura epilogo della trama
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(→‎Cinema: riscrittura epilogo della trama)
Egli, infatti, volendo apparire alla società come un uomo moderno e non per forza attaccato alle vecchie tradizioni romane, è favorevole all'entrata dell'imperatore [[Napoleone Bonaparte]] e dei suoi francesi in [[Italia (regione geografica)|Italia]] affinché riportino un po' d'ordine. Durante le peregrinazioni e le beffe dello stravagante aristocratico, il film offre al pubblico anche un accurato spaccato di storia della tipica società romana di inizio Ottocento, tra preti scomunicati e abitudini di rozzi popolani, sottolineando in maniera particolare la loro condizione d'inferiorità in quanto ignoranti e ridotti in "schiavitù" dal potere clericale.
 
Dopo la cattura di Pio VII da parte di Napoleone, Onofrio del Grillo, con la complicità di un'attrice teatrale venuta dalla [[Francia]] e con il fedele Ricciotto, organizza l'ultimo strabiliante scherzo mediante ripetuti scambi di persona con un suo sosia carbonaio: Gasperino. Accade però che questi, dopo la liberazione di Pio VII, scambiato una volta di più per Onofrio, viene arrestatofatto dagliarrestare emissaridal diPapa, Sanche Pietrovuole inpunire Vaticano,il incomportamento quanto ilapertamente marchesefilofrancese del Grillonobile, catturatooltre ilalla Papa,circostanza nondi avevaessere fattostato nullaresponsabile perdella difenderlocattura del Pontefice da parte dei francesi, perché impegnato in una questione di donne invece di essere al suo posto di guardia in Vaticano. Ma si tratta solo di un'altra beffa e il povero carbonaio ne fa le spese.<ref>Morandini, p. 50</ref> Dopo la messinscena dell'esecuzione il Marchese viene reintegrato nei suoi possessi e nelle funzioni di [[Guardia Nobile]] pur non rinunciando ai suoi tiri burloni.
 
== Note ==
3 140

contributi