Differenze tra le versioni di "Rogier van der Weyden"

m (Bot: aggiungo parametro "Epoca" e/o rimuovo categorie generate automaticamente)
Tra il [[1460]] e [[1461]] fu maestro del pittore italiano [[Zanetto Bugatto]]. Morì a Bruxelles il 18 giugno [[1464]], all'età di 65 anni.
 
Anche l'equivoco linguistico sul suo nome (de la Pasture in francese, van der Weyden in fiammingo) contribuì non poco a confondere le idee ai primi storici dell'arte impegnati a ricostruire la biografia artistica del maestro: la stessa identificazione tra Roger, o Rogelet, de la Pasture e Rogier van der Weyden è stata inizialmente negata, e inoltre a lungo si è confusostata fatta confusione tra van der Weyden e la figura del [[Maestro di Flémalle]]. Oggi è opinione pressoché unanime che quest'ultimo vada individuato in [[Robert Campin]] e che le affinità stilistiche dell'opera giovanile di van der Weyden con quella del Campin vadano spiegate con il discepolato del primo presso il secondo, o piuttosto il rapporto di collaborazione tra i due, sia pure sotto la direzione del Campin, posto che il loro sodalizio iniziainiziò quando van der Weyden èera già quasi trentenne.
 
== Opere ==
[[File:Weyden Portrait of a Lady.jpg|thumb|''[[Ritratto di giovane donna (Rogier van der Weyden)|Ritratto di giovane donna]]'', [[National Gallery of Art]], [[Washington]]]]
[[File:Rogier van der Weyden 024.jpg|thumb|''Ritratto di Francesco d'Este'', [[Metropolitan Museum of Art]], [[New York]]]]
Fu un pittore prolifico, ma molta documentazione riguardo alle sue opere è andata perduta; inoltre alcuni dipinti sono privi di data e di firma. Gli storici dell'arte, in base agli elementi raccolti, gli hanno attribuito, con certezza, la ''Crocifissione'' e la ''Deposizione'', e, in seguito, per affinità stilistica, le altre opere elencate sulla base di affinità stilistiche<ref name="ReferenceA">Luigi Mallé, ''Atlante della pittura - Maestri fiamminghi'', ed. De Agostini, Novara, 1965 (alla p. 16 - voce "Roger van der Weyden")</ref>.
 
Specializzato in ritratti di personaggi dell'aristocrazia, che nella loro pienezza formale catturano, in un primo tempo, l'osservatore con la loro grandiosa proporzione, ma in un secondo momento lo allontanano, a causa dell'elevatezza morale che trasmettono. Tra le opere più significative vi è il ''[[Ritratto di giovane donna (Rogier van der Weyden)|Ritratto di giovane donna]]'', a [[Washington]], caratterizzato da uno spirito geometrico, rappresentato dal busto piramidale, dalle direttrici degli abiti, dal copricapo a velo, non fine a sé stesso, ma intriso di rigorismo religioso.
321

contributi