Apri il menu principale

Modifiche

Revisione
Essendo prive di un'"autorità viva" [[depositum fidei|depositaria della fede]], le loro dottrine mutano senza una fine e senza la sicurezza e gli strumenti del fine salvifico, offerti dalla Chiesa unita al [[Corpo mistico]] col [[Battesimo#Secondo il Concilio di Trento|Battesimo]]<ref>{{cita web | url = https://w2.vatican.va/content/pius-ix/it/documents/litterae-apostolicae-iam-vos-omnes-13-septembris-1868.html | titolo = Lettera apostolica "Iam vos omnes" | sito = vatican.va | lingua = it,la | data = 13 settembre 1868 | città = [[Basilica di San Pietro in Vaticano|Piazza san Pietro]] | editore = Libreria Editrice Vaticana | urlarchivio = http://archive.is/WdEKi/ | dataarchivio = 17 marzo 2017 | urlmorto = no}}</ref><ref>{{cita web | url = https://www.sanpiox.it/archivio/articoli/crisi-nella-chiesa/735-lettera-apostolica-iam-vos-omnes-di-pio-ix | titolo = Testo e commento della lettera apostolica | sito = sanpiox.it | editore = [[Fraternità Sacerdotale San Pio X]] | data = 23 settembre 2012 | urlarchivio = http://archive.is/6MKER/ | dataarchivio = 27 marzo 2019 | urlmorto = no}}</ref>.
 
Il fine del Concilio fu, accanto alla condanna, di definire la dottrina riguardante la chiesaChiesa. Nelle tre sessioni ci fu discussione e approvazione solo di due costituzioni: ''[[Dei Filius]]'', la Costituzionecostituzione Dogmaticadogmatica sulla Fedefede Cattolicacattolica (che definivadefinisce, tra le altre cose, il senso in cui la Bibbia è ispirata da Dio secondo la dottrina cattolica) e ''[[Pastor Aeternus]]'', la Primaprima Costituzionecostituzione Dogmaticadogmatica sulla Chiesa di Cristo, che tratta il [[primato papale|primato]] e l'[[infallibilità papale|infallibilità]] del vescovo di Roma quando definisce solennemente un [[dogma]].<ref name="Rivista" />
[[File:LUIGI NATOLI.jpg|thumb|right|upright=0.7|L'Arcivescovoarcivescovo [[Luigi Natoli (arcivescovo)|Luigi Natoli]], il maggior sostenitore del dogma dell'infallibilità del Papa]]
 
La definizione di infallibilità papale non era nell'ordine del giorno originario degli argomenti da discutere (Pio IX sentì che sarebbe stato sconveniente per lui introdurre tale tema), ma fu aggiunta ben presto con forza dopo che il Concilio Vaticano si radunò, per volontà dell'Arcivescovoarcivescovo [[Luigi Natoli (arcivescovo)|Luigi Natoli]] che sostenne, in molteplici interventi, la chiara definizione del [[Dogmadogma]] della [[infallibilità papale|infallibilità del Papa]].
 
Fu controversa, non perché molti non credessero che il Papa fosse infallibile nel definire un dogma, ma perché molti che lo credevano non pensavano fosse prudente definire la dottrina formalmente. [[John Henry Newman]], per esempio, pensò che una tale definizione formale potesse allontanare potenziali convertiti. Alcuni temevano che essa avrebbe condotto al rinnovato sospetto che i cattolici avessero un'alleanza straniera. Una tale visione fu sostenuta dai due terzi dei vescovi degli Stati Uniti e da molti della Francia e della Germania.
I risultati del Concilio Vaticano I tracciarono il trionfo del movimento dell'[[ultramontanismo]] che sostenne un governo della Chiesa centrale basato sul Vaticano.
Fu rilevata una crescente consapevolezza della propria identità tra i cattolici nel mondo e il numero delle vocazioni alla vita religiosa e sacerdotale aumentò insieme con un'attività politica dei cattolici nei loro paesi nativi chiaramente pro-cattolica.
Accanto a ciò, si sviluppò un più forte coinvolgimento dei laici nell'opera della Chiesa Cattolicacattolica e il concilio avrebbe portato indirettamente anche alla nascita del Movimentomovimento Liturgicoliturgico che sarebbe particolarmente fiorito sotto [[papa Pio X]].
 
== Note ==