Apri il menu principale

Modifiche

[[Filippo IV di Francia|Filippo il Bello]] morì nel [[1314]]. La corona fu ereditata da [[Luigi X di Francia|Luigi X]], figlio primogenito, che regnò neppure due anni: dopo la morte<!-- alla morte il figlio ancora doveva nascere --> di questi salì al trono suo figlio [[Giovanni I di Francia|Giovanni I]], neonato, sotto la reggenza dello zio [[Filippo V di Francia|Filippo V]]. Il regno del sovrano bambino finì cinque giorni dopo, avvolto nel mistero della sua morte. A lui succedette lo stesso zio Filippo V che secondo alcuni<ref>{{Cita libro|autore = Tommaso di Carpegna Falconieri|titolo = L'uomo che si credeva re di Francia. Una storia medievale|anno = 2005|editore = Laterza|città = Roma-Bari|ISBN = 978-88-420-7619-3}}</ref> avrebbe ucciso il piccolo Giovanni I o lo avrebbe scambiato con un neonato morto. Alla morte di Filippo V ([[1322]]), non avendo eredi maschi secondo la [[legge salica]] (ormai in disuso ma da lui stesso invocata ad arte per usurpare il trono di Francia a [[Giovanna II di Navarra]], figlia di [[Luigi X di Francia|Luigi X]]), gli succedette il fratello minore [[Carlo IV di Francia|Carlo IV]] che regnò per un breve periodo ([[1322]]-[[1328]]) e con lui si estinse la [[Capetingi|dinastia capetingia]].
[[File:Genealogia Guerra dei Cent'Anni.svg|upright=2.5|thumb|Parentele tra i Re di Francia, d'Inghilterra e di Navarra]]
Il trono francese si trovò così ad essere conteso tra due pretendenti, entrambi nipoti di Filippo IV: [[Filippo VI di Francia|Filippo VI di Valois]], figlio di [[Carlo di Valois]], ed il [[re d'Inghilterra]] [[Edoardo III d'Inghilterra|Edoardo III]], figlio di [[Isabella di Francia]]. Grazie al sostegno dei grandi [[feudatario|feudatari]] di Francia Filippo poté cingere la corona e inaugurare la [[Valois|dinastia dei Valois]]. Ma Edoardo III, dopo un'iniziale accettazione dell'incoronazione del rivale, non si arrese, si proclamò legittimo successore al trono francese e dichiarò la guerra.
 
Oltre alla causa dinastica, gli storici ne hanno individuate altre: sicuramente la conquista francese delle [[Contea delle Fiandre|Fiandre]], territorio legato commercialmente all'Inghilterra, contribuì non poco allo scoppio della guerra, soprattutto quando gli inglesi finanziarono apertamente la rivolta che nelle Fiandre era divampata contro i francesi. A ciò si aggiunga la confisca da parte di Filippo VI dei [[feudalesimo|feudi]] della Francia settentrionale che erano proprietà dei sovrani inglesi da secoli, sin dai tempi del [[Normanni|normanno]] [[Guglielmo I d'Inghilterra]]. Non trascurabile appare poi il ruolo ricoperto da [[Roberto III d'Artois]], cognato di Filippo VI e grandemente impegnatosi nel favorirne l'ascesa al trono, che cadde in disgrazia quando venne accusato di essersi impadronito con la frode (e forse con l'assassinio della zia [[Mahaut d'Artois|Mahaut]]) della [[contea d'Artois]]; per sfuggire alla condanna nel [[1336]] si rifugiò in Inghilterra alla corte di Edoardo III di cui divenne ascoltato consigliere. Roberto, desideroso di vendetta, fomentò le pretese dinastiche e i sentimenti antifrancesi del suo protettore, fungendo anche da utile contatto con la nobiltà della Francia settentrionale, ostile a Filippo.<ref>{{cita|Seward|pag. 30-31|sew}}</ref>
Utente anonimo