Differenze tra le versioni di "Superaequum"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
m
Bot: stile delle date e modifiche minori
m (Bot: stile delle date e modifiche minori)
'''Superaequum''' è una delle tre porzioni di territorio in cui i [[Civiltà romana|Romani]] suddivisero il territorio degli antichi [[Peligni]]: ''Superaequum'', ''[[Corfinium]]'' e ''[[Sulmo]]''.
 
La ''querelle'' in merito all'ubicazione di ''Superaequum'' è una ''[[vexata quaestio]]'' che si trascina sin dal [[XVI secolo|Cinquecento]]<ref>Il toponimo ''Superaequum'' non compare mai nelle fonti scritte di età antica: esso fu coniato a tavolino dai geografi umanisti i quali partirono dall'etnico ''Superaequani'' presente nelle opere di Plinio e di Ovidio.</ref>. Verso la metà del Seicento iniziò ad essere chiaro che i resti dell'antica Superaequum giacciono nel territorio dell'attuale [[Valle Subequana]]. Ancora oggi, tuttavia, non sono stati localizzati resti archeologici (mura, pomerium, rete idrica, rete fognaria) che facciano pensare alla fondazione di una entità urbana corrispondente al municipium dei Superequani.
 
==Epoca municipale==
La [[municipium|municipalizzazione]] della Valle Subequana ad opera dei romani è un evento collocabile nel primo sec. a.C. poco dopo la fine del ''Bellum sociale'', epoca in cui si registra anche la costruzione di nuove opere pubbliche soprattutto negli attuali territori di [[Castelvecchio Subequo]] e [[Gagliano Aterno]]. Il ''municipium'' dei Superequani è da intendersi innanzitutto come entità di natura amministrativa, nel senso che i pagi italici della Valle Subequana, poco dopo la metà del primo sec. a.C., rimpiazzarono i rispettivi organi amministrativi indipendenti con un nuovo organo collegiale conforme al nuovo ordinamento costituzionale dello Stato romano. I [[duoviri]] municipali di diritto romano esercitarono la propria giurisdizione su tutto il territorio dell'attuale Valle Subequana.
 
Diversi comuni della Valle Subequana hanno restituito iscrizioni celebrative di duoviri (gli amministratori locali di ''Superaequum'') e ciò lascia supporre che gli antichi pagi della valle abbiano fornito, a turno, i duoviri al neonato municipium. Per costante tradizione letteraria, dal Seicento in poi, il municipium di Superaequum è stato ubicato in territorio di Castelvecchio Subequo: l'assioma sottostante tale tesi è che il locale pagus possa aver mutato il proprio titolo costituzionale originario divenendo, nel corso del primo sec. a.C., il [[municipium]] romano dei Superequani.
 
Molti aspetti relativi all'ordinamento municipale di Superaequum in età Romana sono ancora da chiarire. Assai problematica risulta una iscrizione epigrafica di tarda [[età imperiale]] rinvenuta in territorio di [[Secinaro]] in cui risulta attestato il quattruorvirato. Considerato che il quattruovirato non fu più concesso da Roma a quei municipi (tra cui ''Superaequum'') istituiti dopo la riforma cesariana dell'ordinamento municipale, l'iscrizione secinarese pone il problema di dover spiegare la presenza dei quattruoviri in un municipium retto da duoviri.<ref>[[Theodor Mommsen]] giudicò impossibile la presenza dei [[quattuorviri]] a ''Superaequum'' preferendo ammettere che l'iscrizione secinarese fosse originaria dell'antica ''Corfinium'' (municipium tradizionalmente retto da quattruoviri). Non mancano tuttavia autori contemporanei che ipotizzano come qualche riforma costituzionale intervenuta nella tarda età imperiale possa aver riabilitato il quattruorvirato: in tal caso l'iscrizione secinarese ben potrebbe assegnarsi a Superaequum (si veda anche la sezione Età municipale in [[Secinaro]])</ref>
2 932 277

contributi