Differenze tra le versioni di "Azienda agricola"

m
Bot: spazio dopo segni di punteggiatura
m (Annullate le modifiche di 31.159.178.152 (discussione), riportata alla versione precedente di L736E)
m (Bot: spazio dopo segni di punteggiatura)
È bene distinguere due tipi di fondo in base alle loro dimensioni: il [[latifondo]], costituito da un terreno molto vasto ed in genere incolto, ed il [[minifondo]], in questo caso o un fondo frammentato in più terreni ma dello stesso soggetto, o un fondo talmente piccolo da essere poco produttivo (cosiddetta ''polverizzazione'' dei fondi).
Entrambi i fenomeni sono avversi all'ordinamento che li contrasta rispettivamente con la legge Sila del 1950 (espropriazione di terreni troppo estesi e riassegnazione a più coltivatori diretti) per quel che riguarda il latifondo; con la lotta preventiva dell'art.846 c.c. che vieta il frazionamento dei terreni (sia con vendita o successione ''inter vivos'', sia con atti ''mortis causa'') al di sotto della m.u.c. (minima unità colturale) e la ricomposizione coattiva tramite anche dei consorzi dei terreni per quel che riguarda i microfondi.
A causa della sua complessità e maggiore frequenza, il problema del microfondo ha subito numerose evoluzioni, soprattutto nel 1982 e nel 2001. Il termine oggi utilizzato maggiormente per indicare il parametro di riferimento è quello del [[compendio unico]], definito soltanto nel 2001 e tra l'altro in maniera "cedevole", ovvero fino a che le Regioni, competenti per materia, non abbiano dato ognuna una propria definizione: trattasi dell'"estensione di terreno necessaria al raggiungimento di un livello minimo di redditività".
 
=== Acque ===
3 237 291

contributi