Differenze tra le versioni di "Pelecanus"

80 byte rimossi ,  2 anni fa
LiveRC : Annullate le modifiche di 151.35.185.149 (discussione), riportata alla versione precedente di Scalvo98
Etichetta: Vandalismo quasi certo
(LiveRC : Annullate le modifiche di 151.35.185.149 (discussione), riportata alla versione precedente di Scalvo98)
Etichetta: Annulla
 
Negli ultimi tre secoli del medioevo, sovente lo spirituale uccello è stato al centro dell'attenzione artistica. Rappresentato in scultura o in pittura col nido dei suoi piccoli sulla sommità della croce e nell'atto di straziarsi il petto con i colpi del suo becco. Il sangue scaturente dal petto del Pellicano è, per l'Ars Symbolica, la forza spirituale che alimenta il lavoro dell'alchimista che, con grande amore e sacrificio, conduce la ricerca della perfezione. Questo emblema è presente nell'iconografia alchemica: da un lato raffigura un genere di storta, ossia un recipiente nel quale veniva riposta la materia liquida per la distillazione, il cui “beccuccio” è piegato in direzione della cupola convessa; dall'altro costituisce un'immagine della “[[pietra filosofale]]” dispersa nel piombo allo stato fluido, nel quale si fonde al fine di determinare la trasmutazione del “vile metallo in oro”. Questo volatile è quindi la metàfora dell'aspirazione non egoistica all'ascesa verso la purificazione, della generosità assoluta, "in mancanza della quale, nell'iniziazione, tutto resterebbe irrimediabilmente vano" (O. Wirth)
dobbiamo ricordare che i pellicani nel 2018 riuscirono a vincere il San Giorgio
 
== Note ==
106 687

contributi