Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
Nel [[1956]] si trasferisce all'[[Empoli Football Club|Empoli]], allora in [[IV Serie]] (equivalente dell'attuale [[Serie D]]).
 
L'anno successivo passa alla {{Calcio Reggiana|N}} per quella che sarà l'esperienza più importante della sua carriera di calciatore: in sei stagioni con la maglia granata colleziona, come [[Centrocampista#Difensivi|''mediano di spinta'']], 141 presenze tra campionato e [[Coppa Italia]], delle quali 106 (con 3 gol) nel Campionato di [[Serie B]]<ref>[http://www.storiadellareggiana.it/Schede%20Giocatori/C/CORSI.htm La storia della Reggiana - Scheda calciatore Tito Corsi] URL consultato il 5 settembreaprile 20112019.</ref>.
 
Conclude la sua parabola agonistica nel [[1965]] dopo due ulteriori stagioni sportive in [[Serie C]], prima col [[Unione Sportiva Lecce|Lecce]] poi col {{Calcio Forlì|N}}.
Nel biennio successivo passa alle giovanili della {{Calcio SPAL|N}}, ma dopo la quinta giornata del [[Serie C 1969-1970#Girone B|Campionato 1969-1970]] il Presidente [[Paolo Mazza|Mazza]] gli affida la prima squadra in sostituzione di [[Giovan Battista Fabbri]]. Il secondo posto a fine stagione, con la promozione in [[Serie B]] mancata per soli due punti, non gli vale la riconferma; passa ad allenare ancora l'{{Calcio Empoli|N}}, poi il {{Calcio Prato|N}}, infine la [[Unione Sportiva Massese 1919|Massese]] per due anni.
 
Grazie al bel gioco degli apuani e al quarto posto finale nella seconda stagione, si guadagna il salto di categoria nel [[1974]] quando è ingaggiato dalla {{Calcio Reggiana|N}} che partecipa al torneo di [[Serie B 1974-1975|Serie B]], ma viene esonerato alla diciassettesima giornata. Torna ad allenare in [[Serie C]] la [[Associazione Sportiva Lucchese Libertas 1905|Lucchese]], poi il {{Calcio Parma|N}} nel [[Serie C 1976-1977#Girone B|il campionato 1976-1977]]: i ''crociati'' terminano in testa il girone d'andata, ma vengono raggiunti e superati dalla [[Unione Sportiva Pistoiese 1921|Pistoiese]], portando a una dura contestazione e alle dimissioni dell'allenatore nel mese di aprile<ref>[http://www.storiadelparmacalcio.com/storia-parma-calcio/stagione-1976-1977.htm Storia del Parma Calcio: stagione 1976-77] URL consultato in data 5 settembreaprile 20112019.</ref>.
 
== Carriera dirigenziale ==
Intraprende la carriera dirigenziale sportiva dal [[1977]], rivestendo il ruolo di Direttore Sportivo della {{Calcio Reggiana|N}}. Dalla stagione successiva è Direttore Generale del [[Lanerossi Vicenza]], prima in [[Serie A 1978-1979|Serie A]] poi nel [[Serie B 1979-1980|campionato cadetto]].
 
La parte più significativa del suo ''cursus'' manageriale inizia nel maggio [[1980]] quando la [[Flavio Pontello|famiglia Pontello]], rilevando la proprietà della [[ACF Fiorentina|Fiorentina]], lo sceglie per il ruolo di Direttore Generale della società viola<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://www.pagineviola.com/index.php?a=scheda_articolo&id=238 pagineviola.com: 2 maggio 1980] |date=aprile 2019 }} URL consultato il 4 settembre 2011</ref>. L'incarico durerà cinque stagioni sportive, lungo le quali i gigliati arriveranno a [[Storia dell'ACF Fiorentina#Campionato 1981-1982: Ad un passo dallo scudetto|sfiorare clamorosamente lo scudetto]] nella [[Serie A 1981-1982|stagione 1981-1982]]<ref>[http://www.gazzetta.it/Dream_Cup/Primo_Piano/2007/07_Luglio/fiorentina_82.shtml La Fiorentina corre: è quasi campione - Gazzetta.it] URL consultato il 5 settembreaprile 20112019</ref>, nonché al terzo posto nel [[Serie A 1983-1984|1983-1984]]. Tra i calciatori tesserati in questo periodo spiccano i nomi di [[Daniel Bertoni]], [[Eraldo Pecci]], [[Francesco Graziani]], [[Pietro Vierchowod]], [[Daniele Massaro]], [[Daniel Passarella]], [[Sócrates]]. Vengono inoltre finalizzate le operazioni in entrata relative a [[Roberto Baggio]] e [[Dunga]], che esordiranno in maglia viola negli anni seguenti.
 
Nel [[1985]], terminata l'esperienza fiorentina, è chiamato come [[General manager|General Manager]] all'[[Udinese Calcio|Udinese]], sempre nella [[Serie A 1985-1986|massima divisione]].
 
Nel febbraio [[2008]]<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://edicola.linformazione.com/archivio/2008/20080207/29_RE0702.pdf "L'informazione" del 7 febbraio 2008] |date=aprile 2018 |bot=InternetArchiveBot }} URL consultato il 4 settembre 2011</ref> entra a far parte del CdA dell'[[Associazione Calcio Reggiana 1919|A.C. Reggiana]], con funzioni direttive dell'area tecnica. A maggio la squadra vince il [[Serie C2 2007-2008#Classifica finale 2|Campionato di C2]] e viene promossa in [[Lega Pro Prima Divisione]]. L'incarico è confermato negli anni successivi e, con la nuova gestione Barilli, Corsi è nominato Responsabile dell'Area Tecnica e Direttore Generale della società<ref>[http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio_emilia/sport/calcio/2010/10/20/402332-tito_corsi_patron_barilli.shtml "Il resto del Carlino" del 20 ottobre 2010] URL consultato il 5 settembre 2011</ref>.
Durante la [[Lega Pro Prima Divisione 2011-2012#Girone A|stagione 2011-2012]], segnatamente dopo l'esonero del tecnico [[Amedeo Mangone]], i rapporti tra presidente e direttore conoscono un progressivo raffreddamento<ref>[http://www.ilgiornaledireggio.it/showPage.php?template=newsreggio&id=9391&masterPage=articoloreggio.htm Tito Corsi saluta la città - "Il Giornale di Reggio" online del 30 marzo 2012] URL consultato il 305 marzoaprile 20122019</ref> fino alla risoluzione consensuale, annunciata da Barilli il 28 marzo [[2012]] durante una conferenza stampa<ref>[http://reggianacalcio.it/Apps/WebObjects/ReggianaCalcio.woa/wa/viewNews?batchIndex=1&id=2924&lang=ita Sito ufficiale A.C. Reggiana 1919 - comunicato stampa] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20140729020418/http://reggianacalcio.it/Apps/WebObjects/ReggianaCalcio.woa/wa/viewNews?batchIndex=1&id=2924&lang=ita |data=29 luglio 2014 }} URL consultato il 285 marzoaprile 20122019</ref>.
 
Nell'agosto [[2018]] la società granata, ora denominata [[Reggio Audace Football Club|Reggio Audace F.C.]], dovendo ripartire con una nuova gestione dalla [[Serie D]], lo nomina Responsabile dell'Areaarea Tecnicatecnica per la [[Serie D 2018-2019 (gironi D-E-F)|stagione sportiva 2018-2019]]<ref>[https://www.reggiosera.it/2018/08/mauro-antonioli-lallenatore-della-reggio-audace/244754/ "Reggio Sera", articolo del 7 agosto 2018"] URL consultato il 5 aprile 2019</ref>.
 
==Palmarès==
260

contributi