Trakehner: differenze tra le versioni

300 byte aggiunti ,  3 anni fa
m
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
 
==Aspetti morfologici==
{{...}}
{{...}}E' un cavallo meso-dolicomorfo ( cavallo potente, forte ma contemporaneamente agile e nobile nel portamento). La testa è montonina di medie proporzioni, profilo generalmente rettilineo o camuso, ben attaccata ed espressiva, con fronte larga che si assottiglia verso le ampie narici. Le orecchie sono piuttosto lunghe e ben diritte, gli occhi distanziati grandi e vivaci. Il collo è affusolato ed elegante, ben inserito nelle spalle. Le spalle sono muscolose, lunghe ed inclinate, consentono ampia libertà di movimento. Il garrese è piuttosto accentuato, la linea dorso-lombare è diritta. La groppa è inclinata, ampia e muscolosa. L’attaccatura della coda è ben portata in movimento, alta e prosegue la linea della groppa. Il petto è ampio, il torace profondo, forte, con costole ben arcuate. Gli arti sono solidi e con ottimi appiombi; gli avambracci sono lunghi e con forte muscolatura e gli stinchi brevi, con buona ossatura; i garretti larghi e asciutti, hanno giusta angolazione; i pastorali, con media inclinazione, tendono ad essere un po’ lunghi; tendini sono forti e ben staccati. I piedi di media grandezza, sono eccellenti e con unghia solida ed elastica. I manti accettati sono: baio, baio scuro, sauro, roano rosso, daino, morello, cremello, grigio, grullo, palomino. È un cavallo che viene usato solamente nel [[dressage]].<ref name=":0" />
 
==Storia==
{{...}}Trakehner è una razza di cavallo selezionata nel XVIII secolo della Prussia Orientale presso la cittadina di Trakehner, da cui il nome.
Numerosi allevamenti vennero istituiti dall’Ordine dei Cavalieri Teutonici, incrociando il pony locale Schweiken, rozzo, robusto e tenace (queste qualità sono state ereditate dal [[Konik (zoologia)|Konik]] e quindi dal Tarpan), con cavalli orientali ottenendo un animale adatto ai lavori agricoli, forte e versatile.
 
[[Federico Guglielmo I di Prussia]] nel 1732, bonificando un’ampia area di paludi tra Gumbinnen e Stalluponen, fondò la Reale Amministrazione per l’allevamento del Trakehner.
La razza venne migliorata tramite incroci con [[Cavallo arabo|Arabi]] e, in piccola parte, Turcomanni. La razza Trakehner divenne così il cavallo ufficiale dell’esercito prussiano grazie alla sua eleganza combinata a velocità e tenacia.
Dal 1787 tutte le nascite cominciarono ad essere registrate accuratamente, l’allevamento venne documentato con grande precisione e iniziarono a stilare certificati genealogici completi sotto severe selezioni.
 
All’inizio del XX secolo, il trakehner cominciò ad essere incrociato con il [[Purosangue inglese|Puro Sangue Inglese]], con lo scopo di migliorare e fissare la razza. Per equilibrare e compensare la predominanza del Puro sangue Inglese, si continuò ad impiegare l’Arabo in misura minore e ad intervalli regolari. Perfectionis, stallone Puro sangue Inglese appartenente alle scuderie reali di [[Edoardo VII del Regno Unito|Edoardo VII]], influenzò la razza in modo maggiore in quanto il trakehner moderno discende dal maggiore dei suoi figli, Tempelhuter.
 
Le scuderie vennero distrutte durante la seconda guerra mondiale e un gruppo di profughi, sotto la minaccia dell’occupazione russa, intraprese un viaggio verso la Germania con alcuni stalloni e 600 fattrici dove la razza venne riconosciuta.
 
I soggetti che rimasero in Prussia seguirono le sorti della terra d’origine, che fu poi ammessa alla Polonia, dove la razza è tuttora allevata.
Il simbolo tradizionale del Trakehner è il marchio con le due corna d’alce.<ref name=":0" />
 
==UtlizzoUtilizzo==
Cavallo da sella e tiro leggero, attualmente utilizzato negli sport equestri. E'un buon saltatore, dinamico e dotato di fondo.<ref>{{Cita web|url=http://www.agraria.org/equini/trakehner.htm|titolo=Razze cavalli: Trakehner}}</ref>
 
=Note==
<references /><references/>
 
==Bibliografia==
<ref name=":0">{{Cita libro|autore=Alberto Soldi|titolo=Conoscere, riconoscere e allevare tutte le razze equine più note del mondo cavalli|ISBN=8841800542}}</ref> Alberto Soldi, Cavalli: conoscere, riconoscere e allevare tutte le razze equine del mondo.
 
== Altri progetti ==
11

contributi