Differenze tra le versioni di "Calcio a 7"

361 byte aggiunti ,  11 mesi fa
nessun oggetto della modifica
(→‎Regole: Aggiunte informazioni)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
{{senza fonte|Per lo svolgimento del calcio a 7 si applica il Regolamento Tecnico di gioco per il calcio a 11 della FIGC, al quale tuttavia, vengono applicate delle importanti eccezioni:
* Le dimensioni del campo di gioco, che deve avere una forma rettangolare,possono variare da un minimo di m 2545 x 4425 ad un massimo di m 4050 x 6530 . Non esiste però nessun regolamento ufficiale in materia, perciò è possibile trovare dimensioni differenti, specialmente per le misure massime.
* Le linee che delimitano il campo e le aree ad esso relative, devono avere uno spessore che varia da un minimo di cm 5 ad un massimo di cm 8
* Le dimensioni delle porte non sono oggetto di un regolamento specifico, ma queste possono variare in base alle scelte di chi gestisce il campo: in commercio esistono porte di dimensioni 4x2, maggiormente indicate per il calcio a 6, ma talvolta utilizzate anche per il calcio a 7, porte 5x2, le più consone in proporzione alle dimensioni medie del campo e porte 5,50x2,20 che sono le più diffuse (sono le dimensioni utilizzate per il beach soccer che si gioca 5vs5)
* Non c'è il fuorigioco.
* La distanza minima a cui si devono attenere i difensori in un calcio di punizione (diretto o indiretto), rinvio dal fondo, calcio d’inizio o d’angolo e rigore è di 6 metri
* Il dischetto per il calcio di rigore è posto ad una distanza variabile, sempre a causa della mancanza di indicazioni ufficiali: se si considera che nel calcio a 5 la distanza del calcio di rigore è pari a 6 m, e nel calcio a otto a 9 m, allora è logico pensare che la distanza nel calcio a sette debba essere di 8 m.
* La distanza del dischetto per il calcio di rigore è posta a 9 metri dalla linea di porta.
* In caso di punizione indiretta in area la distanza minima dalla porta è di 4 metri, pari al raggio del cerchio di centrocampo. (in alcuni campionati, invece, il pallone viene posizionato al limite dell'area di rigore, così come accade nel calcio ad 11, quando l'infrazione è commessa all'interno dell'area di porta).
* Ad ogni squadra è concesso una volta per tempo di interrompere il tempo a gioco fermo (time-out), richiamando l’attenzione dell’arbitro tramite il proprio Capitano o tramite il Dirigente Responsabile. La durata di ciascun time-out è di 2 minuti.
* In alcune categorie e/o campionati, in caso di fallo volontario commesso da un calciatore in chiara occasione da gol (compreso il fallo di mano volontario che impedisce la segnatura) o del portiere che ferma la palla di mano volontariamente fuori dall'area di rigore, egli viene punito con il cartellino azzurro, che comporta la sua esclusione del campo, con conseguente inferiorità numerica della propria squadra, per 5 minuti. Al rientro in campo assume (nel corso della gara) lo stesso valore di un cartellino giallo pertanto passibile di espulsione per somma di ammonizioni. Nel computo delle ammonizioni generali il cartellino azzurro ha il valore di due gialli.
Utente anonimo