Differenze tra le versioni di "Addio ai monti"

(Rimosso wikilink ripetuti; flag sezione commento)
Etichette: Modifica visuale Rimozione di avvisi di servizio
 
== Breve commento ==
{{NN|letteratura|novembre 2018}}{{P|Le affermazioni in questa sezione sostengono un'interpretazione specifica e non universale del testo.|letteratura|novembre 2018}}
[[File:ComoImmagine 067.jpg|thumb|Il [[lago di Como]] al tramonto, scenario dell'''Addio ai monti'']]
Il passo è il momento {{chiarire|più [[Poesia lirica|lirico]] di tutto il romanzo}}, tanto che viene considerato dai commentatori [[poesia]] in prosa, tesi rafforzata dal fatto che si possono individuare all'interno del testo vari versi, [[decasillabo|decasillabi]] ed [[endecasillabo|endecasillabi]]; il registro, come si confà alla lirica, è elevato sia nelle [[figura retorica|figure retoriche]] che nella [[sintassi]] che nel [[lessico]] e il tono è fortemente [[idillio|idillico]]. Esiste però un elemento che incupisce in una certa misura il procedere morbido e quasi bucolico del passo, la presenza di don Rodrigo, la cui ombra aleggia, minacciosa, su tutti i pensieri di Lucia: è la vista del suo palazzotto che fa rabbrividire la giovine e la fa piombare in un profondo sconforto, sfogato nel pianto. Per tutta la durata del brano la narrazione è sospesa, il che consente all'autore di creare un "cantuccio" in cui tanto il personaggio quanto Manzoni stesso possano esternare i propri sentimenti, con una funzione {{chiarire|simile, ma, si badi, non uguale|perché?}}, a quella del coro nelle [[tragedia|tragedie]] del nostro. L'ambientazione notturna e il paesaggio lacustre costituiscono un contesto ideale per l'esternazione dei sentimenti della giovine. Tuttavia l'autore, come di consueto, desidera mantenere uno stretto controllo sulla narrazione e sulla propria opera, per cui, al termine del passo, chiude bruscamente il momento idillico con l'espressione ''"Di tal genere, se non tali appunto, erano i pensieri di Lucia"''.
Utente anonimo