Apri il menu principale

Modifiche

Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta14)
[[File:EURINA1120716.jpg|thumb|right|Palazzo INA all'EUR Roma (1939)]]
 
Tra il [[1940]] e il [[1942]] partecipò al concorso internazionale per l'[[Anıtkabir]], il [[mausoleo]] di [[Mustafa Kemal Atatürk]]. Il suo progetto<ref>{{cita web|http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje9.htm|Anıtkabir - b. Project Number 41: Giovanni Muzio|01/07/2011}}</ref> si classificò secondo nel secondo gruppo<ref>Il concorso per l'Anıtkabir, con 49 partecipanti, si concluse con un primo gruppo di 3 progetti vincitori e un secondo di 5 progetti meritevoli di menzione cfr.{{cita web | 1 = http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm | 2 = Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition | 3 = 01/07/2011 | urlarchivio = https://web.archive.org/web/20160304114514/http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm | dataarchivio = 4 marzo 2016 | urlmorto = sì }}</ref> dei 5 progetti meritevoli di menzione<ref>{{cita web | 1 = http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm | 2 = Anıtkabir -3. The Conclusion of the Anıtkabir Project Competition | 3 = 01/07/2011 | urlarchivio = https://web.archive.org/web/20160304114514/http://www.tsk.tr/eng/Anitkabir/dusunce/proje4.htm | dataarchivio = 4 marzo 2016 | urlmorto = sì }}</ref>.
 
Particolarmente intensa la sua attività di progettazione di edifici di culto, in particolare per l'ordine francescano<ref>La collaborazione con l'ordine francescano continuerà con numerosi progetti realizzati o non realizzati, dal 1921 al 1970: Gianni Mezzanotte (a cura di), ''Giovanni Muzio. Architetture francescane'', 1976.</ref>, che proseguirà a lungo anche nel secondo dopoguerra. La progettazione di edifici di culto di Muzio si incentrò su continue variazioni degli schemi longitudinali delle chiese antiche, ed in particolare romaniche<ref>S.Benedetti, ''L'architettura delle chiese contemporanee: il caso italiano'', 2000.</ref>, e spesso prevede la presenza di una cupola su di una pianta a geometria complessa ed un particolare interesse per l'inserimento urbanistico della chiesa come centro civico, in cui l'edificio ecclesiastico fa parte di un complesso edilizio più vasto e polifunzionale.
885 300

contributi