Differenze tra le versioni di "Luol Deng"

2 126 byte aggiunti ,  9 mesi fa
Ampliamento con fonti
(Ampliamento con fonti)
(Ampliamento con fonti)
|2014-2016|{{Basket Miami Heat|G}}|146 (1.918)
|2016-2018|{{Basket Los Angeles Lakers|G}}|57 (427)
|2018-|{{Basket Minnesota Timberwolves|G}}|222 (5157)
}}
|SquadreNazionali = {{Carriera sportivo
}}
|Allenatore =
|Aggiornato = 511 novembreaprile 20182019
}}
{{Bio
== Biografia ==
[[File:David Cameron chats to Team GB members (7508023018).jpg|sinistra|miniatura|266x266px|Deng (destra) con [[David Cameron]]]]
Originario del [[Sudan del Sud]],<ref name=":1">{{Cita web|url=http://www.nbapassion.com/aneddoti-nba/luol-ajou-deng-da-rifugiato-66026/|titolo=Behind the NBA: Luol Ajou Deng, da rifugiato ad All-Star NBA|sito=www.nbapassion.com|accesso=2019-02-26}}</ref> Luol Deng è nato nella tribù dei [[Dinca]],<ref name=":1" /> che sono tra gli uomini più alti al mondo. Due dei suoi 9 fratelli (Ajou e Arek) giocano a basket.<ref name=":1" /> Luol è l'ultimo dei 9 nati e porta quel numero di maglia proprio per questo motivo. Ha iniziato a palleggiare in [[Egitto]] (dove il padre Aldo si era trasferito per motivi di lavoro) sotto l'insegnamento del maestro [[Manute Bol]].<ref name=":1" /><ref name=":6">{{Cita|Sumner}}</ref>
 
La sua "Luol Deng Foundation", attiva a Chicago, in Sudan e nel Regno Unito, finanzia numerosi programmi e progetti nell'area di [[Chicago]] e soprattutto in Africa. La fondazione ha collaborato con l'[[UNHCR]], il [[Programma alimentare mondiale]], la [[NBA]] e i [[Chicago Bulls]] per garantire l'accesso ai beni di prima necessità per le popolazioni africane più bisognose.<ref>{{cita web|url=http://luoldeng.org/about/|titolo=About Luol Deng Foundation|sito=luoldeng.org|lingua=en|accesso=8 novembre 2016}}</ref> È stato insignito del [[Golden Icon Award for Best Sports Role Model]] e del [[2008 UN Refugee Agency's Humanitarian of the Year Award]], premio istituito dall'[[Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati|UNHCR]] come parte di un programma volto a fornire educazione scolastica e sportiva a milioni di bambini disagiati.
=== Inizi ===
[[File:Tyrus Thomas, David Thorpe, Luol Deng.jpg|sinistra|miniatura|240x240px|Deng (destra) con [[Tyrus Thomas]] (sinistra) e [[David Thorpe]] (centro)]]
Ha frequentato la [[St. Mary's Roman Catholic High School]] di [[Borgo londinese di Croydon|Croydon]] ([[Londra]]). Durante questo periodo ha iniziato ad appassionarsi al [[Calcio (sport)|calcio]], diventando tifoso di [[Faustino Asprilla]], giocatore del [[Newcastle United Football Club|Newcastle United]], ma ha continuato a giocare a [[pallacanestro]],<ref name=":1" /> venendo anche convocato dalla [[Nazionale Under-15 di pallacanestro dell'Inghilterra|Nazionale inglese under-15]]. Ha inoltre giocato nel [[Brixton TopCats]]. Ha rappresentato il borgo di [[Borgo londinese di Croydon|Croydon]] ai [[London Youth Games]], venendo inserito nella [[Hall of Fame]] nel [[2009]]. A 13 anni ha disputato con la maglia dell'Inghilterra alle qualificazioni per gli Europei giovanili, venendone nominato [[Most Valuable Player|MVP]] grazie ai suoi 40 punti e 14 rimbalzi di media a partita. Ha quindi disputato gli Europei giovanili, venendo nominato, grazie ai suoi 34 punti di media, [[Most Valuable Player|MVP]] del torneo.
 
A 14 anni si è trasferito negli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]], dove si è iscritto alla [[Blair Academy]] ([[New Jersey]]), venendo nominato co-capitano della squadra di [[pallacanestro]] insieme a [[Charlie Villanueva]], futuro giocatore [[NBA]]. Durante il suo anno da finalista al liceo, era considerato il secondo miglior talento a livello liceale dopo [[LeBron James]]. È stato inserito nell'All-America First Team da [[Parade (rivista)|Parade]] e [[USA Today]]; è stato inoltre convocato per il [[McDonald's All-American Game|McDonald's All American]], al quale non ha potuto partecipare a causa di un infortunio al piede.
 
Dopo essersi diplomato si è iscritto all'[[Università Duke]]. Con la maglia di [[Università Duke|Duke]] ha disputato 37 partite (32 da titolare), con una media di 15,1 punti in 30,5 minuti a partita, venendo nominato MVP delle Southeast Regional.<ref name=":6" /> Chiude solo in 10ª posizione in punti, rimbalzi e tiri dal campo tra le matricole nella storia dell'università. A fine stagione ha deciso di dichiararsi eleggibile per il [[Draft NBA 2004|draft 2004]].<ref name=":6" />
 
=== NBA (2004-) ===
Chiude la [[National Basketball Association 2009-2010|stagione 2009-10]] con 17,6 punti e 7,3 rimbalzi a partita, aumentando quindi nuovamente le sue medie e aiutando i [[Chicago Bulls|Bulls]] a qualificarsi per i [[NBA Playoffs 2010|play-off]]. Realizza due season-high di 27 punti. Ha tuttavia saltato 11 partite consecutive dopo essersi slogato il polpaccio destro. Ha chiuso il primo turno di [[NBA Playoffs 2010|play-off]], contro i [[Cleveland Cavaliers]], con 18,8 e 5,0 rimbalzi a partita. Nell'ultima partita della serie ha segnato 26 punti, non riuscendo però a evitare l'eliminazione dei [[Chicago Bulls|Bulls]].
 
Il 2 novembre 2010 stabilisce il suo career high nella vittoria casalinga contro i [[Portland Trail Blazers]], mettendo a referto 40 punti, tirando con 14/19, di cui 9/11 da tre.<ref>{{Cita web|url=https://chicago.sbnation.com/chicago-bulls/2010/11/1/1787258/chicago-bulls-portland-trail-blazers-derrick-rose|titolo=Bulls Vs. Trail Blazers: Luol Deng Has Career-High 40 Points, Bulls Win|autore=Al Yellon|sito=SB Nation Chicago|data=2010-11-01|accesso=2019-04-15}}</ref> Il 24 febbraio 2011 ha realizzato 20 punti e 10 rimbalzi, segnando inoltre la tripla della vittoria a 16 secondi dalla fine contro i [[Miami Heat]]. Durante questa stagione, su consiglio dell'allenatore [[Tom Thibodeau]], si è allenato per migliorare il suo tiro da tre. Nelle quattro stagioni precedenti aveva tentato 132 triple, mentre durante questa stagione ha tentato 333 triple, realizzandone 115 (34%). Chiude la stagione con 17,4 punti e 5,8 rimbalzi di media, terzo miglior marcatore dei [[Chicago Bulls|Bulls]] dopo [[Derrick Rose]] (25,0) e [[Carlos Boozer]] (17,5). Questa è la settima stagione consecutiva in cui chiude in doppia cifra. Chiude il primo turno dei [[NBA Playoffs 2011|play-off]] con 18,6 punti e 6,2 rimbalzi a partita, secondo miglior marcatore dopo [[Derrick Rose]]. Il 31 marzo 2011 [[Eric Bressman]], giornalista di [[Dime Magazine]], lo ha definito "il giocatore più sottovalutato" e ha scritto che "non è mai stato il leader della franchigia, ma è sempre stato la sua spina dorsale".<ref name=":1" /><ref>{{Cita web|url=https://uproxx.com/dimemag/pass-the-mic-luol-deng-wins-the-most-underrated-player-award/|titolo=Pass The Mic: Luol Deng Wins The Most Underrated Player Award|sito=UPROXX|data=2011-03-31|accesso=2019-04-15}}</ref> [[Tom Thibodeau|Thibodeau]] lo ha definito la "colla" che tiene uniti i [[Chicago Bulls|Bulls]]., Hadichiarando inoltre dichiaratoche:"Luol è un professionista. Si allena intensamente. Si prepara bene. Studia il suo avversario. Ha aiutato questa squadra a diventare migliore ogni giorno."<ref>{{Cita web|url=https://web.archive.org/web/20120812093330/http://articles.chicagotribune.com/2011-03-14/sports/ct-spt-0315-bulls-deng-chicago--20110314_1_deng-coach-tom-thibodeau-guards|titolo=Deng deserves All-Defensive: Thibodeau - Chicago Tribune|sito=web.archive.org|data=2012-08-12|accesso=2019-04-15}}</ref> Durante i [[NBA Playoffs 2011|play-off]] è stato il secondo miglior marcatore dei [[Chicago Bulls|Bulls]]. Nella prima partita delle finali di [[NBA Eastern Conference|Eastern Conference]] è stato elogiato per la sua difesa su [[LeBron James]].<ref name=":4" /><ref>{{Cita web|url=https://www.slamonline.com/archives/luol-deng-credits-team-defense-for-slowing-lebron-james/|titolo=Luol Deng Credits Team Defense for Slowing LeBron James|sito=SLAM|data=2011-04-15|lingua=en|accesso=2019-04-15}}</ref> I [[Chicago Bulls|Bulls]] verranno tuttavia sconfitti dai [[Miami Heat]] per 4-1. Chiude la serie 16,9 punti, 6,6 rimbalzi e 2,7 assist in poco meno di 43 minuti a partita.
 
Il 21 gennaio 2012, nella partita contro gli [[Charlotte Bobcats]], subisce un infortunio al polso. Nonostante inizialmente si pensasse che fosse un infortunio di lieve entità, una risonanza magnetica ha rivelato che si era strappato il legamento del polso sinistro. Ha tuttavia deciso di rinviare l'intervento chirurgico e di giocare per il resto della stagione nonostante il dolore. Il 4 febbraio 2012 torna nel quintetto titolare, realizzando 21 punti, 9 rimbalzi, 1 palla rubata e 1 stoppata contro i [[Milwaukee Bucks]]. Il 9 febbraio 2012 viene selezionato per partecipare come riserva all'[[NBA All-Star GameWeekend 2012|All-Star Game 2012]] insieme al compagno di squadra [[Derrick Rose]], che è stato selezionato come titolare. Era dal [[1997]] (quando vennero convocari [[Michael Jordan]] e [[Scottie Pippen]]) che non venivano convocati due giocatori dei [[Chicago Bulls|Bulls]] all'[[NBA All-Star Game|All-Star Game]]. Il 24 marzo 2012 ha realizzato il canestro della vittoria ai tempi supplementari contro i [[Toronto Raptors]]. A fine stagione viene inserito nell'[[NBA All-Defensive Team|All-NBA Defensive Second Team]].
 
Chiude la [[National Basketball Association 2012-2013|stagione 2012-13]] con 16,5 punti, 6,3 rimbalzi e un career-high di 3 assist a partita. Ha inoltre avuto un ''career-high'' di percentuale al tiro libero (81,6). Ha inoltre nuovamente guidato la lega in minuti a partita (38,7). Queste cifre gli valgono la convocazione per l'[[NBA All-Star Weekend 2013|All-Star Game 2013]] insieme al compagno di squadra [[Joakim Noah]], entrambi come riserve. Nonostante l'assenza per l'intera stagione di [[Derrick Rose]] a causa di un infortunio al [[legamento crociato anteriore]], i [[Chicago Bulls|Bulls]] chiudono con un bilancio di 45-37, chiudendo 5º in [[NBA Eastern Conference|Eastern Conference]] e 2° in [[NBA Central Division|Central Division]]. Al primo turno dei [[NBA Playoffs 2013|play-off]] i [[Chicago Bulls|Bulls]] incontrano i [[Brooklyn Nets]], che sconfiggono per 4-3. Al turno successivo incontrano i [[Miami Heat]], dai quali vengono sconfitti per 4-1. Gli [[Miami Heat|Heat]] avrebbero poi vinto il titolo [[NBA]]. Deng chiuse i [[NBA Playoffs 2013|play-off]] con 13,8 punti, 7,6 rimbalzi e 3,8 assist in 44,8 minuti di media.
==== Cleveland Cavaliers e Miami Heat (2014-2016) ====
[[File:Luol Deng 20 April 2016.jpg|miniatura|Deng ai [[Miami Heat]]]]
IlDopo avere rifiutato un'estensione triennale da 30 milioni di dollari complessivi coi Bulls,<ref name=":7">{{Cita|Finnan, Carr}}</ref> il 7 gennaio 2014 Deng venne ceduto dai [[Chicago Bulls]] ai [[Cleveland Cavaliers]] in cambio di [[Andrew Bynum]] e tre scelte ai prossimi [[Draft NBA|Draft]].<ref>{{Cita news|lingua=en|url=http://www.espn.com/nba/story/_/id/10255605/cleveland-cavaliers-agree-trade-andrew-bynum-chicago-bulls-luol-deng|titolo=Cavs deal Bynum, 3 picks to Bulls for Deng|pubblicazione=ESPN.com|accesso=2018-11-05}}</ref> Al momento della cessione Deng era il quinto giocatore con più presenze e il quarto miglior marcatore nella storia dei [[Chicago Bulls|Bulls]]. Nonostante la squadra non avesse raggiunto i playoffs, lui disputò un'ottima stagione da 14,3 punti di media.<ref name=":7" />
 
Il 15 luglio 2014 firma un contratto biennale a 20 milioni di dollari complessivi con i [[Miami Heat]].<ref>{{Cita news|lingua=en|url=http://www.espn.com/nba/truehoop/miamiheat/story/_/id/11210494/luol-deng-joining-miami-heat|titolo=Sources: Deng joins Heat for 2 years, $20M|pubblicazione=ESPN.com|accesso=2018-11-05}}</ref> Dopo 2 stagioni giocate da titolare in [[Florida]] arrive alla fine del contratto stipulato con gli Heat che non rinnova, rimanendo [[free agent]].
[[File:Deng-20190120.jpg|miniatura|Deng a Minnesota|alt=]]
Il 10 settembre 2018 firma con i [[Minnesota Timberwolves]] con cui firma un contratto annuale a 2,4 milioni di dollari ritrovando il suo ex allenatore ai tempi dei Chicago Bulls [[Tom Thibodeau]] e [[Jimmy Butler]], suo ex compagno ai tempi di Chicago.<ref>{{Cita news|lingua=it-IT|nome=Sky|cognome=Sport|url=https://sport.sky.it/nba/2018/09/11/nba-mercato-luol-deng-monta-ellis-andrew-bynum-ritorno.html|titolo=Non solo Deng: ritorno in vista per Ellis e Bynum?|accesso=2018-11-05}}</ref>
 
Nonostante l'età avanzata e l'inattività, Deng ha disputato una buona seconda parte di stagione,<ref>{{Cita web|url=http://www.startribune.com/luol-deng-is-reviving-the-wolves-season-and-the-narrative-of-his-career/506385332/|titolo=Luol Deng is reviving the Wolves' season -- and the narrative of his career|sito=Star Tribune|accesso=2019-04-15}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://theathletic.com/823122/2019/02/18/the-resurrection-of-luol-deng-timberwolves-ryan-saunders-tom-thibodeau-bulls-lakers/|titolo=The resurrection of Luol Deng: Seizing his chance to prove...|autore=Britt Robson|sito=The Athletic|accesso=2019-04-15}}</ref> che però non sono bastate per portare il team (orfano del tradato Butler e dell'esonerato Thibodeau) ai playoffs.
 
=== Nazionale ===
Nato in [[Sudan del Sud]], ha scelto di rappresentare la Gran Bretagna dopo avere ottenuto il passaporto britannico nel 2006.<ref>{{Cita news|lingua=en-GB|url=http://news.bbc.co.uk/sport2/hi/other_sports/basketball/6064476.stm|titolo=NBA star Deng ready for GB debut|data=2006-10-18|accesso=2019-04-15}}</ref>
 
Nonostante non avesse ancora il passaporto, a livello giovanile ha rappresentato le selezioni Under-18 e Under-16 dell'Inghilterra. Con quest'ultima ha tenuto nelle qualificazioni 39,5 punti e 14 rimbalzi, senza tuttavia qualificare la squadra al torneo finale.<ref name=":1" /><ref>{{Cita web|url=http://www.fiba.com/pages/eng/fa/player/p/pid/36396/sid/272/tid/278/_/2002_European_Championship_for_Junior_Men_Qualifying_Round/index.html|titolo=Luol Deng profile, European Championship for Junior Men 2002|sito=FIBA.COM|accesso=2019-04-15}}</ref> Ha quindi disputato gli Europei giovanili, venendo nominato, grazie ai suoi 34 punti di media, [[Most Valuable Player|MVP]] del torneo.<ref name=":1" />
 
Nonostante nel giugno 2008 si fosse allenato con la selezione britannica,<ref>{{Cita news|lingua=en-GB|url=http://news.bbc.co.uk/sport2/hi/olympics/basketball/7437521.stm|titolo=NBA duo given GB training places|data=2008-06-05|accesso=2019-04-15}}</ref> non ha poi partecipato alle Olimpiadi di Pechino.<ref>{{Cita web|url=https://bleacherreport.com/articles/41524-chicago-bulls-luol-deng-wants-new-deal-by-the-olympics|titolo=Chicago Bulls: Luol Deng Wants New Deal by the Olympics|autore=Michael Wagner|sito=Bleacher Report|lingua=en|accesso=2019-04-15}}</ref>
|0,0
|2,0
|-
|[[National Basketball Association 2018-2019|2018-2019]]
|{{Basket Minnesota Timberwolves}}
|22
|2
|17,8
|50,0
|31,8
|71,4
|0,9
|2,4
|3,3
|0,8
|0,7
|0,4
|7,1
|- class="sortbottom"
| colspan="2" |'''Carriera'''|| 877902 || 825827|| 34,73 || 45,56 || 33,2 || 7776,09 || 1,6 || 4,54 || 6,1 || 2,3 || 1,0 || 0,5
|1514,08
|- class="sortbottom"
| colspan="2" |'''All-Star'''|| 2 ||0||11,5,||33,3||20,0||100||0,0||1,0|| 1,0 || 1,0 || 0,0 ||0,0
== Note ==
<references />
 
== Bibliografia ==
 
* {{Cita libro|autore=Jim Sumner|titolo=Tales from the Duke Blue Devils Locker Room: A Collection of the Greatest Duke Basketball Stories Ever Told|anno=2016|editore=Simon and Schuster|ISBN=978-1-61321-957-7}}
 
* {{Cita libro|autore=Bob Finnan|autore2=Austin Carr|titolo=100 Things Cavaliers Fans Should Know & Do Before They Die|anno=2016|editore=Triumph Books|ISBN=978-1-63319-659-9}}
 
== Altri progetti ==