Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 4 mesi fa
m
Bot: Markup immagini, accessibilità
 
Il re organizzò con successo l'economia agricola, curò lo sviluppo delle città reali e recuperò numerosi beni del tesoro appartenenti alla corona che erano sotto pegno. Durante le attività finanziarie, il re ricevette pieno sostegno da sua moglie, la regina [[Bona Sforza|Bona]], che mirava ad espandere le proprietà reali acquistando e migliorando l'efficienza economica.
[[File:Rodakowski Chicken War.png|thumb|right|300pxupright=1.4|''La ribellione di Lwów'' di [[Henryk Rodakowski]]]]
===La ribellione di Lwów===
La ribellione di Lwów (la cosiddetta ''Guerra dei Polli'') fu una ribellione della nobiltà polacca avvenuta nel [[1537]]. Il nome derisorio fu coniato dai magnati, che per la maggior parte sostenevano che il ''Il re affermava che l'unico effetto della guerra era la quasi estinzione dei polli locali, mangiata dai nobili riuniti per la ribellione a Lwów, nella Piccola Polonia''. La nobiltà, radunata nei pressi della città, invocò una campagna militare contro la [[Moldavia]]. Tuttavia, gli strati inferiori e medi della nobiltà chiamavano ribellione, o ribellione semi-legale, per costringere il re ad abbandonare le sue riforme rischiose. I nobili gli presentarono 36 richieste, in particolare: la cessazione di ulteriori acquisizioni di terra da parte della regina Bona, l'esenzione della nobiltà dalle decime, una bonifica del tesoro piuttosto che la sua espansione, la conferma ed estensione dei privilegi della nobiltà, la revoca del pedaggio o esenzione della nobiltà da esso, l'adozione di una legge relativa all'incompatibilità - l'incompatibilità di alcuni uffici che non dovevano essere uniti nella stessa mano - l'esecuzione di una legge che imponeva la nomina di soli nobili locali ai più importanti uffici locali e alla creazione di un corpo di consiglieri permanenti per il re. Infine, i manifestanti criticarono il ruolo della regina Bona, che incolpavano della "cattiva educazione" del giovane principe Sigismondo Augusto (il futuro [[Sigismondo II Augusto]]), nonché per cercare di aumentare il suo potere e la sua influenza.
2 568 909

contributi