Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
}}
 
È ricordato soprattutto per la rottura con le forme letterarie del suo tempo e lo sviluppo di una sua personale tipologia di ''[[romanzo]]'', che è un intreccio tra l'[[autobiografia]], le strutture narrative del romanzo tradizionale, il trattato filosofico, ed il [[saggio]] di analisi e critica sociale, il tutto articolato tramite l'estensivo e leparticolarmente barocco utilizzo del [[flusso di coscienza]] e di tecniche di scrittura automatica di matrice [[Surrealismo|surrealistesurrealista]]<ref>{{cite book |last=Shifreen |first=Lawrence J. |title=Henry Miller: a Bibliography of Secondary Sources |url=https://books.google.com/books?id=ElVVBDrVTyYC&pg=PP1&dq=Henry+Miller#v=onepage&q=&f=false |publisher=Rowman & Littlefield |year=1979 |pages=75–77 |quote=...Miller's metamorphosis and his acceptance of the cosmos.}}</ref><ref>[[Mary Dearborn|Mary V. Dearborn]], ''The Happiest Man Alive: A Biography of Henry Miller'', New York: [[Simon & Schuster]], 1991, p 12.</ref>. Le principali opere che seguono questa corrente sono: ''Tropic of Cancer'' (''[[Tropico del Cancro (romanzo)|Tropico del Cancro]]''), ''Black Spring'' (''[[Primavera nera (romanzo)|Primavera nera]]'') e ''Tropic of Capricorn'' (''[[Tropico del Capricorno (romanzo)|Tropico del Capricorno]]'').
 
Miller scrisse anche memorie di viaggio e saggi di [[critica letteraria]] e di analisi e pubblicò i suoi [[Acquerello|acquerelli]].
Utente anonimo