Differenze tra le versioni di "Isola di Žochov"

m
Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS
m (Bot: orfanizzo template:Avvisounicode come da discussione)
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
 
== Geografia ==
L'isola di Žochov si trova nel [[mare della Siberia Orientale]]. Il mare che la circonda è coperto da ghiacci anche d'estate, l'isola è disabitata. Ha una superficie di 58&nbsp;km² e un'altitudine massima di 123&nbsp;m<ref>{{Cita web |url=httphttps://slovari.yandex.ru/~%D0%BA%D0%BD%D0%B8%D0%B3%D0%B8/%D0%91%D0%A1%D0%AD/%D0%96%D0%BE%D1%85%D0%BE%D0%B2%D0%B0%20%D0%BE%D1%81%D1%82%D1%80%D0%BE%D0%B2/ |titolo=Жохова остров |accesso=28 agosto 2011 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131002100815/http://slovari.yandex.ru/~%D0%BA%D0%BD%D0%B8%D0%B3%D0%B8/%D0%91%D0%A1%D0%AD/%D0%96%D0%BE%D1%85%D0%BE%D0%B2%D0%B0%20%D0%BE%D1%81%D1%82%D1%80%D0%BE%D0%B2/ |dataarchivio=2 ottobre 2013 |urlmorto=sì }}</ref> (monte Konusnaja). L'isola si trova 128&nbsp;km a nord-est di [[Novaja Sibir']].
 
==Storia==
Da ritrovamenti di utensili di pietra, osso, corno e avorio, e aste di frecce in legno, l'isola risulta essere stata abitata nel [[Mesolitico]]<ref>Pitul'ko, V. V. (1993). "An Early Holocene Site in the Siberian High Arctic". Arctic Anthropology 30 (1): 13–21[httphttps://www.jstor.org/pss/40316326]</ref>.
 
Žochov è stata scoperta e mappata il 27 agosto 1914, durante la spedizione idrografica della [[Marina imperiale russa]] nell'Oceano Artico guidata da [[Boris Andreevič Vil'kickij]] a bordo delle navi ''Tajmyr'' e ''Vajgač''. In particolare fu Pëtr Alekseevič Novopašennyj, a bordo della ''Vajgač'', che avvistò l'isola. Rimasta in un primo tempo senza nome, venne successivamente chiamata Novopašennyj<ref>Scott Polar Research Institute, University of Cambridge, [http://www.spri.cam.ac.uk/resources/infosheets/7.html OSTROVA DE-LONGA ('De Long Islands')]</ref> e poi, nel 1919, quando Novopašennyj venne accusato di tradimento, l'isola venne ribattezzata in onore di [[Aleksej Nikolaevič Žohov]], membro della spedizione<ref>(Riportato nel libro "Il viaggio nel Mar Glaciale Artico" di Leonid Mihajlovič Starokadomskij, medico di bordo del ''Tajmyr'') Леонид Михайлович Старокадомский Экспедиция Северного Ледовитого океана, 1910-1915. — Москва: Изд-во Главсевморпути, 1946.</ref><ref>William Barr, ''A Tsarist Attempt at Opening the Northern Sea Route: The Arctic Ocean Hydrographic Expedition, 1910-1915'' {{cita web |url=http://epic.awi.de/Publications/Polarforsch1975_1_6.pdf |titolo=Copia archiviata |accesso=16 ottobre 2010 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20101016154350/http://epic.awi.de/Publications/Polarforsch1975_1_6.pdf |dataarchivio=16 ottobre 2010 }} pag. 61</ref>.
744 818

contributi