Differenze tra le versioni di "Rallus aquaticus"

Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta14)
(corretto errore tassonomico)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione iOS
(Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta14))
 
=== Fossili ===
I resti [[fossili]] più antichi appartenenti a una forma ancestrale di porciglione sono delle ossa ritrovate sui [[Carpazi]] risalenti al [[Pliocene]] (5,3-1,8 milioni di anni fa). Testimonianze fossili più recenti indicano che nel [[Pleistocene]] superiore il porciglione era già presente in molte zone del suo areale attuale<ref name= tavares>{{Cita pubblicazione | cognome= Tavares | nome= Erika S | coautori= de Kroon, Gerard H J; Baker, Allan J | anno=2010 | titolo= ''Phylogenetic and coalescent analysis of three loci suggest that the Water Rail is divisible into two species,'' Rallus aquaticus ''and'' R. indicus | rivista= Evolutionary Biology | volume= 10| numero = 226 | pp= 1–12 | doi = 10.1186/1471-2148-10-226}}</ref>. I fossili di porciglione sono piuttosto numerosi: più di 30 sono stati ritrovati nella sola Bulgaria e molti altri in Europa meridionale<ref name= boev2>{{Cita pubblicazione | cognome= Boev | nome= Zlatovar | anno= 2005 | titolo= Fossil birds in the National Museum of Natural History, Sofia: composition, development and scientific value | rivista= Zoologische Mededelingen Leiden | volume=79–3 79–3 | numero = 4 | pp= 35– 44 | url= http://e-ecodb.bas.bg/zb/sci/180_boev_2005_nmnhs_fossil_birds_collections.pdf | accesso= 1 agosto 2012 | urlarchivio= https://web.archive.org/web/20110815091319/http://e-ecodb.bas.bg/zb/sci/180_boev_2005_nmnhs_fossil_birds_collections.pdf | dataarchivio= 15 agosto 2011 | urlmorto= sì }}</ref><ref name= marco>{{Cita pubblicazione | cognome= Marco | nome= Antonio Sánchez | anno= 2004 | titolo= Avian zoogeographical patterns during the Quaternary in the Mediterranean region and paleoclimatic interpretation | rivista= Ardeola | volume=51 | numero =1 | pp= 91–132 | url = http://avesfosiles.com/PDFs/Ref_57.pdf }}</ref> e in Cina<ref name= lucas>{{Cita libro | cognome = Lucas | nome = Spencer G | titolo = Chinese fossil vertebrates | anno = 2002 | città = New York | editore = Columbia University Press |pagine = 283 | isbn = 0-231-08483-8 }}</ref>. Una specie presente su [[Ibiza (isola)|Ibiza]], il ''Rallus eivissensis'', era più piccola ma più robusta del porciglione, e probabilmente non era una buona volatrice. Sull'isola, nel [[Quaternario]], non vi erano mammiferi terrestri, e questa forma caratteristica si evolvette presumibilmente a partire dalla specie presente sul continente. Scomparve quando l'isola venne raggiunta dai primi esseri umani<ref name= Mcminn>{{Cita pubblicazione | cognome= Mcminn | nome= M | coautori = Palmer, M; Alcover, Josep Antoni | anno=2005 | titolo= A new species of rail (Aves: Rallidae) from the Upper Pleistocene and Holocene of Eivissa (Pityusic Islands, western Mediterranean) | rivista= Ibis | volume= 147 | numero = 4 | pp= 706–716 | doi = 10.1111/j.1474-919X.2005.00442.x }}</ref>, tra il 16.700 e il 5300 a.C.<ref name= Alcover>{{Cita pubblicazione | cognome= Alcover | nome= Josep Antoni | anno=2001 | titolo= Nous avenços en el coneixement dels ocells fòssils de les Balears | rivista= Anuari Ornitològic de les Balears | volume= 16 |lingua = ca | pp=3–13 | url =http://www.gobmallorca.com/ornit/anuari/anuari2001/fossils.pdf }}</ref> Attualmente, su Ibiza si incontrano solamente pochi esemplari stanziali della sottospecie nominale, ''R. a. aquaticus''<ref name= Kellner>{{Cita pubblicazione | cognome= Kellner | nome= Thomas | coautori= Krech, Mathias; Schulz, Axel; Müller, Carsten H G | anno=2007 | titolo= The avifauna of Ibiza: an updated checklist including comments on abundances and ecology | rivista= Rostocker Meeresbiologische Beiträge | volume= 18 | pp= 7–29 | url =http://www.biologie.uni-rostock.de/oekologie/literature/RMB/RMB%2018/RMB_18_Kellner_et_al_7_29.pdf }}</ref>.
 
== Descrizione ==
Il porciglione è una specie in diminuzione, ma la sua popolazione totale conta ancora un numero di adulti pari a 100.000-1.000.000 di unità e si estende su un areale di 15.600.000&nbsp;km²; per questo motivo la specie viene classificata tra quelle a «rischio minimo» sulla [[Lista rossa IUCN|Lista Rossa della IUCN]]<ref name=IUCN2012/>. Nella maggior parte dei Paesi europei la popolazione è ancora stabile o leggermente in diminuzione a causa della perdita dell'habitat. In Marocco, invece, sia l'areale che la popolazione sono in crescita, e la specie si è spinta a sud fino al [[Parco nazionale di Souss-Massa]]<ref name = BWP/>. Riguardo alla situazione delle popolazioni asiatiche le notizie sono scarse, ma sappiamo che la sottospecie ''R. a. korejewi'' è ancora molto comune in Pakistan e nel Kashmir<ref name = ras/>.
 
I predatori introdotti costituiscono un grave fattore di minaccia per le vulnerabili popolazioni insulari. Oltre ad aver causato la scomparsa della sottospecie islandese, il visone ha causato il netto declino delle popolazioni di porciglione e di altri uccelli che nidificano al suolo nelle [[Isole Ebridi|Ebridi]], dove l'unico [[carnivoro]] originario era la lontra, che si nutre prevalentemente di pesci. I visoni delle Ebridi sono fuggiti da una fattoria sull'isola di Lewis e Harris<ref name= nz>{{Cita pubblicazione| cognome= Moore| nome= N P | coautori= Roy, S S; Helyar, A | anno=2003 | titolo= Mink (''Mustela vison'') eradication to protect ground-nesting birds in the Western Isles, Scotland, United Kingdom | rivista= New Zealand Journal of Zoology | volume= 30 | numero =4 | pp= 443–452 | doi = 10.1080/03014223.2003.9518351 }}</ref>, e successivamente hanno raggiunto le vicine isole di [[North Uist]] e [[South Uist]]<ref name=ohbp>{{Cita web | autore= | titolo= Outer Hebrides Biosecurity Plan 2010–2015 | url= http://www.invasivespeciesscotland.org.uk/FileLibrary/Plans/OHFT%20Biosecurity%20Plan%20Final%20Ver%201.pdf | editore= Outer Hebrides Fisheries Trust | urlmorto= sì | urlarchivio= https://web.archive.org/web/20120119112619/http://www.invasivespeciesscotland.org.uk/FileLibrary/Plans/OHFT%20Biosecurity%20Plan%20Final%20Ver%201.pdf | dataarchivio= 19 gennaio 2012 }} Retrieved 21 April 2011</ref>. I programmi di eliminazione di visoni e [[Mustela putorius furo|furetti]] hanno permesso ai porciglioni di tornare nuovamente su varie isole, come Lewis e Harris<ref name = snh>{{Cita web | autore = | titolo= Consultation draft - March 2001 | sito= The natural heritage of the Western Isles | url= http://www.snh.org.uk/pdfs/nhz/z3.pdf | editore= Scottish Natural Heritage | accesso= 1 agosto 2012 | urlarchivio= https://web.archive.org/web/20040504181943/http://www.snh.org.uk/pdfs/nhz/z3.pdf | dataarchivio= 4 maggio 2004 | urlmorto= sì }} Retrieved 21 April 2011</ref>, e altri programmi del genere sono tuttora in corso in Scozia<ref name = bbc>{{Cita news| autore = | titolo= American mink 'safe haven' project under way | pubblicazione= BBC News Scotland, 12 May 2011 | url= http://www.bbc.co.uk/news/uk-scotland-13360874 | editore= BBC | data=12 maggio 2011}} Retrieved 12 May 2011</ref>. In alcune zone, l'habitat può essere danneggiato dalla bonifica delle paludi, dalla canalizzazione dei corsi d'acqua, dall'avanzata degli insediamenti umani<ref name= newatlas>{{Cita libro| cognome = Gibbons | nome = David Wingfield | coautori= Reid, James B; Chapman, Robert A (editors) | titolo = The New Atlas of Breeding Birds in Britain and Ireland: 1988-91 | anno = 1993| città = Calton, Staffordshire |pagine = 146–147| editore = T & A D Poyser| isbn = 0-85661-075-5}}</ref> e dall'inquinamento<ref name= Carpene>{{Cita pubblicazione| cognome= Carpenè | nome= E | coautori= Serra R; Isani G | anno=1995 | titolo= Heavy metals in some species of waterfowl of northern Italy | rivista= Journal of Wildlife Diseases | volume= 31 | numero = 1 | pp= 49–56 | pmid= 7563424 }}</ref>.
 
Il porciglione viene cacciato a scopo alimentare da migliaia di anni<ref name= boev>Boev, Zlatovar (2006) "Gamefowl in Bulgaria over the last 8,000 years" pp. 398–389 in {{Cita libro| cognome = Botev | nome = Nicola (ed) | titolo = Proceedings of the 22nd Congress of the International Union of Game Biologists 1995: The game and the man | anno = 1996 | città = Sofia | editore = Pensoft Publishers | isbn = 954-642-013-1 }}</ref>; i Romani ne apprezzavano molto le carni<ref name= jones>{{Cita libro | cognome = Allason-Jones | nome = Lindsay | titolo = Women in Roman Britain | anno = 2005 | città = York | editore = Council for British Archaeology |pagine = 103 | isbn = =1-902771-43-5 }}</ref><ref name= Grimm >Grimm, Jessica M (2010) "[http://rug.academia.edu/JessicaGrimm/Papers/409426/A_bird_for_all_occasions._The_use_of_birds_at_the_Romano-British_sanctuary_of_Springhead_Kent_UK A bird for all occasions. The use of birds at the Romano-British sanctuary of Springhead, Kent, UK]" pp. 187–195 in {{Cita libro | cognome = Prummel | nome = W | coautori= Zeiler, J T; Brinkhuizen, D C | titolo = Birds in Archaeology: Proceedings of the 6th Meeting of the ICAZ Bird Working Group in Groningen 23.8-27.8.2008 |serie=Groningen Archaeological Studies, '''12''' | anno = | 2010 | città = Eelde | editore = Barkhuis | isbn= 978-90-77922-77-4 }}</ref> e lo raffigurarono sulle pitture parietali di [[Scavi archeologici di Pompei|Pompei]]<ref name= Watson>Watson, George E (2002) "Birds: evidence from wall paintings sculpture, skeletal remains, and ancient authors" pp. 360,394 in {{Cita libro | cognome = Jashemski | nome = Wilhelmina Mary Feemster | coautori= Meyer, Frederick Gustav | titolo = The natural history of Pompeii | anno = 2002 | città = Cambridge | editore = Cambridge University Press | isbn = 0-521-80054-4 }}</ref>; il consumo delle sue carni si è protratto per tutto il [[Medioevo]] fino ai giorni nostri<ref name =japan>{{Cita pubblicazione| volume=109 |pp=403–404|autore = Austin Jr, Oliver L; Nagahisa Kuroda| numero=1 | rivista=Bulletin of the Museum of Comparative Zoology | titolo=The Birds of Japan: their status and distribution|anno=1953| url=http://www.archive.org/stream/bulletinofmuseum109harv#page/403/mode/1up}}</ref><ref name= Woolgar>Serjeantson, Dale 2006) "The consumption and supply of birds in Late Medieval England pp. 131–147 in {{Cita libro | cognome = Woolgar | nome =C M | coautori= Serjeantson, Dale; Waldron, Tony | titolo = Food in medieval England: diet and nutrition | anno = 2006 | città = Oxford | editore = OUP | isbn = 0-19-927349-9 }}</ref>. Tuttavia, a causa del suo ambiente inaccessibile e della sua natura sfuggente, la caccia non sembra costituire una seria minaccia per la sua sopravvivenza.
1 298 238

contributi