Differenze tra le versioni di "Isidoro di Siviglia"

m
(Recupero di 0 fonte/i e segnalazione di 1 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta14))
==== Isidoro e la musica ====
 
Nella disquisizione sul ''Quadrivium'' (libro III, cap. 24), Isidoro seguì [[Cassiodoro]] definendo la musica come «la disciplina che tratta i numeri in relazione agli stessi numeri che si trovano sul suono»<ref name="ref_A">{{Cita libro|autore = ibid|titolo = |anno = |editore = |città = }}</ref>.
 
Seguendo, ancora, Cassiodoro, riprende le tre parti della musica: [[armonia]], [[ritmo]] e [[metrica]] (libro III, cap. 18). Proseguì con Agostino (libro III, cap. 19) seguendone gli insegnamenti e mutuando la triplice natura della musica: "la prima è ''armonica'', che consiste nel cantare; la seconda è ''organica'', ed è prodotta dal respiro; la terza è ''ritmica'', dove nella musica è prodotta dall'impulso delle dita"<ref>{{Cita libro|autore = ibid|titolo = |anno = |editore = |città name="ref_A" }}</ref>. Esaminando, però, nel dettaglio questa triplice distinzione, si potrà entrare nella peculiarità del singolo significato che Isidoro ne volle attribuire, ossia:
* ''Natura Armonica'': è l'arte di [[Modulazione (musica)|modulare]] la [[voce]] negli [[attore|attori]], ma anche in coloro che [[cantante|cantano]]. È ''verberatus'', ossia "l'aria battuta dal fiato", e ''coaptatio,'' ossia disposizione ordinata di molti suoni, ed è tipica di esseri umani ed animali. L'uso del termine ''voce'' però, viene impropriamente esteso anche agli altri esseri e agli strumenti.
2 808 163

contributi