Differenze tra le versioni di "Segretario di Stato"

m
Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta10))
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
In Spagna il segretario di stato è una figura intermedia tra il ministro ed il sottosegretario (che è un funzionario burocratico, seppur di nomina politica) con un ruolo analogo al [[vice ministro]] italiano; è preposto ad un'articolazione organizzativa del ministero, detta ''segreteria di stato'', comprendente più [[direttore generale|direzioni generali]].
 
Dopo le prime elezioni democratiche [[Franchismo|post-Franco]], nel [[1977]], il nuovo capo del governo [[Adolfo Suárez]] nominò dei segretari di stato. Subito dopo la figura fu normata con il decreto n. 1558/1977.<ref>{{Cita web |url=httphttps://www.boe.es/g/es/bases_datos/doc.php?coleccion=iberlex&id=1977%2F15200# |titolo=Boletín Oficial del Estado |accesso=9 novembre 2018 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20080509124304/http://www.boe.es/g/es/bases_datos/doc.php?coleccion=iberlex# |dataarchivio=9 maggio 2008 |urlmorto=sì }}</ref>
 
I segretari di stato spagnoli diventarono inaspettatamente protagonisti della storia nel corso del [[Colpo di Stato spagnolo del 1981|colpo di Stato del 23 febbraio 1981]]. Essendo stati sequestrati sia i membri del [[governo]] che quelli del [[Congresso dei Deputati (Spagna)|Congresso dei deputati]], i segretari di stato di vari dicasteri, presieduti da [[Francisco Laína]], Direttore per la sicurezza dello Stato, costituirono, in assenza dei ministri, un potere esecutivo. Alcuni parlano addirittura di ''governo Laína'', in contatto con il Re [[Juan Carlos I]], configurandosi di fatto come unico potere legittimo (a parte quello giudiziario) dato che il Senato non riuscì a riunirsi (anche perché molti senatori erano tra i sequestrati nell'edificio del Congresso).<ref>[http://www.noticiasdealava.com/ediciones/2006/02/23/politica/espana-mundo/d23esp23.309437.php ''23-F, el secuestro de la democracia''] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20080921222715/http://www.noticiasdealava.com/ediciones/2006/02/23/politica/espana-mundo/d23esp23.309437.php |data=21 settembre 2008 }}, en Diario de Álava, 23 de febrero de 2006</ref>
773 765

contributi