Differenze tra le versioni di "Vaiolo bovino"

m
Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS
(Recupero di 0 fonte/i e segnalazione di 1 link interrotto/i. #IABot (v1.6.5))
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
 
== Eziopatogenesi ==
L'agente casuale è il virus del vaiolo bovino, un [[virus a DNA]] a doppio filamento, rivestito da una doppia [[membrana virale]], appartenente alla [[famiglia (tassonomia)|famiglia]] ''[[Poxviridae]]'', [[sottofamiglia]] ''Chordopoxvirinae'', [[genere (tassonomia)|genere]] ''[[Orthopoxvirus]]''. Caratteristica unica dei ''poxvirus'' è quella di riprodursi nel [[citoplasma]] delle cellule infettate<ref name=Buller>{{cita pubblicazione | autore =Buller RM | coautori = Palumbo GJ.| data = | anno =1991 | mese =Mar | titolo =Poxvirus pathogenesis. | rivista =Microbiol Rev. | volume =55 | numero =1 | pagine =80-122 | doi = | id = PMID 1851533| url = httphttps://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC372802/?page=1| lingua = inglese | accesso = 2010-11-06 }}</ref>. Per quanto riguarda le proprietà immunologiche e la sensibilità degli animali, il virus del vaiolo bovino è molto simile virus vaccinico (''[[Vaccinia virus]]''), il virus utilizzato per la vaccinazione contro il vaiolo; probabilmente il virus vaccinico è stato originato dal virus del vaiolo bovino, ma il passaggio negli animali da laboratorio ha portato col tempo all'acquisizione di nuove proprietà<ref>{{cita pubblicazione | autore = Moussatché N | coautori = Damaso CR, McFadden G. | data = | anno =2008 | mese =giugno | titolo =When good vaccines go wild: Feral Orthopoxvirus in developing countries and beyond. | rivista = J Infect Dev Ctries.| volume = 2| numero = 3| pagine = 156-73| doi = | id =PMID 19738346 | url =http://www.jidc.org/index.php/journal/article/view/19738346 | lingua = inglese | accesso = 2010-11-06 }}</ref>
 
Nonostante il nome, si ritiene che ospiti naturali del virus siano i [[roditori]], in particolare le [[arvicola|arvicole]], e non i bovini. Possono essere infettati anche i [[Felis silvestris catus|gatti]], cacciatori delle arvicole<ref>{{cita pubblicazione | autore =Baxby D. | data =1977 May 28 | anno = | mese = | titolo =Is cowpox misnamed? A review of 10 human cases | rivista = Br Med J.| volume = I| numero =6073 | pagine =1379-81 | doi = | id =PMID 861644 | url =httphttps://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1606875/?tool=pubmed | lingua =inglese | accesso = 2010-11-06}}</ref>. La malattia è ormai molto rara. Nel [[Regno Unito]] si registrano uno o due casi l'[[anno]] che si manifestano di solito con una sola lesione nella sede dell'inoculazione: una [[Vescicola (medicina)|vescicola]] che evolve in genere in [[papula|papulo]]-[[pustola]], forma successivamente una crosta e infine cade, rivelando una [[cicatrice]].
 
== Storia ==
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|url=httphttps://www.nlm.nih.gov/cgi/mesh/2010/MB_cgi?field=uid&term=D015605|titolo=National Library of Medicine - MeSH}}
* {{cita web|http://www.virology.net/Big_Virology/BVDNApox.html|The Big Picture Book of Viruses: Poxviridae}}
* {{cita web|url=http://www.veterinariaalimenti.marche.it/viewdoc.asp?CO_ID=3641|titolo=Infezioni da Cowpox virus}}
774 705

contributi