Differenze tra le versioni di "De clementia"

m
-A +S, almeno è un abbozzo
m (fix vari +Portale)
m (-A +S, almeno è un abbozzo)
{{S|opere letterarie}}
{{A|Troppo poco e senza fonti|letteratura|febbraio 2019}}
 
Il '''De clementia''' è un trattato di [[Lucio Anneo Seneca|Seneca]]. Esso, insieme alle ''[[Naturales quaestiones]]'' e al ''[[De beneficiis]]'', fa parte dei tre trattati dell'autore.<ref>O.Bellavita, M.Gori, L.Lehnus, ''Thesaurus Latinitatis-vol.2'', Principato, Milano, 2011, pag. 75</ref> L'opera fa parte del genere letterario degli [[speculum principis]], in essa infatti Seneca esplora il rapporto tra filosofia e politica individuando la qualità migliore più importante che dovrebbe avere un sovrano, ovvero la clemenza. Lo scritto è dedicato al giovane [[Nerone]] del quale Seneca era divenuto precettore, insieme al prefetto del pretorio [[Sesto Afranio Burro|Afranio Burro]], per volere della madre [[Agrippina minore]].<ref>O.Bellavita, M.Gori, L.Lehnus, ''Thesaurus Latinitatis-vol.2'', Principato, Milano, 2011, pag. 69</ref> Con tale scritto Seneca spera di educare al meglio il giovane imperatore elogiando lo stesso con le qualità che vorrebbe che Nerone avesse.
27 226

contributi