Differenze tra le versioni di "Associazione Calcio Monza"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 anni fa
m
 
Per i primi 3 campionati in Serie C gli spettatori si accalcavano lungo la rete di recinzione ed una collinetta con un piccolo tubolare e legno fungeva da tribuna. Ma poi per il Monza arrivò la promozione in [[Serie B 1951-1952|Serie B]] e il [[Stadio Gino Alfonso Sada|San Gregorio]], come era stato battezzato il campo, aveva bisogno di una tribuna nuova e capiente, di modo tale da realizzare un vero e proprio stadio. I soci del Monza, cedendo al Comune il vecchio campo di Via Ghilini, ottennero in cambio la costruzione di una tribuna costruita col cemento armato, quella che ancora oggi troviamo al Sada. Lo stadio conservò il nome di San Gregorio fino alla fine della stagione sportiva [[Serie B 1952-1953|1952-1953]]. Dalla stagione successiva fino alla fine del 1964-1965 fu chiamato "Stadio Città di Monza" sebbene la cappelletta di San Gregorio fosse ancora lì alla fine del piazzale adibito a parcheggio. Lo stadio fu poi definitivamente intitolato la mattina del 3 dicembre [[1965]] allo scomparso [[Gino Alfonso Sada]], presidente onorario<ref>Onorario, non effettivo, perché sebbene fosse stato lui a volere la fusione con la Simmenthal, alla presidenza della società andò il figlio Claudio.</ref> che a cavallo tra gli [[Anni 1950|anni cinquanta]] e [[anni 1960|sessanta]] portò la formazione brianzola a sfiorare diverse volte la promozione in massima serie.
[[File:Stadio Brianteo 2019 - Tribuna fronte 2019.jpg|alt=|miniatura|Lo stadio Brianteo nel 2019.]]
La struttura però a metà degli anni settanta diventò insufficiente per quella che era ormai diventata una delle più popolose città della Lombardia e per una delle formazioni più ambiziose del campionato cadetto, tant'è che una partita di campionato, nelle stagione 1979-1980 contro il {{Calcio Bari|N}}, venne disputata allo [[stadio Giuseppe Meazza|stadio di San Siro]] per permettere al sempre più crescente pubblico brianzolo ma soprattutto ai numerosi pugliesi presenti in Lombardia di assistere al match in quella che viene considerata "la Scala" del calcio. Nel [[1979]] viene progettato il nuovo impianto sportivo monzese. Il 13 novembre [[1982]] venne depositata, ai bordi del viale delle Industrie, la prima pietra del futuro stadio della cittadina brianzola. I lavori subiranno dei ritardi negli anni (compreso l'allentamento dei tiranti della tensostruttura al pilone destro con un parziale cedimento della copertura), con il progetto rivisto in corso d'opera e ridimensionato, portando la capienza agli effettivi {{formatnum:20000}} posti. Lo ''[[stadio Brianteo]]'' venne inaugurato il 28 agosto [[1988]] con la partita di [[Coppa Italia]] Monza-[[Associazione Sportiva Roma|Roma]] terminata con il punteggio di 2-1 in favore dei brianzoli con reti di [[Pierluigi Casiraghi|Casiraghi]], [[Giuseppe Giannini (calciatore)|Giannini]] e [[Carmelo Mancuso|Mancuso]]. L'impianto si dimostrò subito anacronistico perché sovradimensionato per la realtà monzese, non più in grado di attirare un pubblico numeroso come quello della fine degli anni settanta. Numerose sono state le proposte di riqualificazione dell'area, creando la cosiddetta cittadella dello sport monzese, ma a causa della mancanza di fondi da parte delle istituzioni il progetto non è mai partito.
 
436

contributi