Differenze tra le versioni di "La guerra dei mondi (romanzo)"

→‎Trama: Non pertinente né con la trama né con altro, è un elemento del film che col libro non c'entra nulla
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
(→‎Trama: Non pertinente né con la trama né con altro, è un elemento del film che col libro non c'entra nulla)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
Più avanti, un oggetto fiammeggiante simile ad una [[meteora]] precipita nella landa di [[Woking]], sud-ovest di Londra, vicino alla casa del protagonista, producendo un grosso cratere sul punto d'impatto. Ogilvy è fra i primi ad avvicinarsi alla presunta meteora, che si rivela presto essere in realtà uno strano oggetto gigantesco, simile a un cilindro metallico. Il gruppo resta sul luogo fino alla sera dove un ragazzo viene spinto dalla folla nel cratere dove la cima del cilindro si svita e fuoriescono alcuni [[marziani]], creature simili a piovre grosse quanto un orso, che mal sopportando l'atmosfera terrestre, rientrano subito all'interno. Il gruppo si allontana e il ragazzo viene trascinato nel cilindro. Un gruppo di tre uomini, tra i quali Stent Henderson e lo stesso Ogilvy, avanzano verso il cilindro sventolando una bandiera bianca, ma i marziani li carbonizzano con un "raggio di calore", simile a un [[raggio laser]]. Nonostante ciò il protagonista viene mancato per miracolo, riuscendo quindi a scappare verso casa. Durante la notte dal cilindro fuoriescono del fumo verde e degli strani suoni simili a dei martellamenti.
[[File:War of the Worlds Set 02.JPG|left|thumb|Uno degli autentici motori di un Boeing 747 utilizzato nel film ''[[La guerra dei mondi (film 2005)|La guerra dei mondi]]'' (2005).]]
 
Il mattino seguente l'esercito circonda il cratere dove è caduto il cilindro mentre ne cade un altro nei boschi vicini. Durante il mattino il protagonista ode degli spari di mitragliatrici e di cannoni provenienti da entrambi i cilindri caduti, fino a quando vede i boschi bruciare e un campanile crollare. Quindi decide di portare la moglie al sicuro a casa dei suoi parenti a [[Leatherhead]], finché la minaccia non verrà eliminata. Al suo ritorno di sera, però, scopre che i sobborghi sono deserti ma intatti fino a che non si ritrova davanti tre gigantesche macchine da combattimento a tre gambe, i "''Tripodi''", costruiti dai marziani la notte prima. Armate di raggio di calore e di uno strano fumo nero tossico, queste hanno facilmente sconfitto l'esercito che le circondava, per poi procedere ad attaccare le città vicine. Nel tentativo di sfuggire ai tripodi, il protagonista commette un'imprudenza, e il carro su cui si stava spostando si rovescia, spezzando l'osso del collo al cavallo. Lui fugge in un fossato e su un colle boscoso, dove si sono diretti i marziani, nella direzione di casa sua. Durante il viaggio si imbatte nel cadavere del bottegaio, a cui aveva promesso il carro, scaraventato contro una staccionata con l'osso del collo rotto.
12 830

contributi