Sigurd il Forte: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(ok, ho trovato qual è il capitolo e a questo punto direi che nemmeno quella è la traduzione ufficiale, cercherò anche la Njáls saga sia in norreno che in traduzione)
Nessun oggetto della modifica
Lo zio di Sigurd, Ljot, era stato ucciso in guerra contro gli [[Alba (Scozia)|scozzesi]], e Sigurd dovette presto affrontare problemi nelle regioni meridionali. Un certo "conte Finnleik" guidò un esercito contro di lui, superandolo in numero in proporzione di sette a uno. La ''Saga'' riporta la risposta che la madre di Sigurd gli diede quando si rivolse a lei per un consiglio:
 
{{citazione|meglio morire nella gloria che vivere nella vergogna. Prendi ora questa insegna, che ho tessuto per te con tutta la mia arte. M'attendo che rechi vittoria a chi la segua, e morte a chi la porti|<ref name="OS_11 Meli">''Orkneyinga Saga'', capitolo 11, traduzione in {{cita libro|curatore=Marcello Meli|titolo=La saga degli uomini delle Orcadi|editore=Mondadori|città=Milano|anno=1997|p=30}}</ref>}}
 
Lo [[Stendardo del corvo]] si comportò come predetto dalla madre di Sigurd: egli vinse, ma chi portava lo stendardo morì.<ref name="OS_11"/>
 
Secondo la ''[[Njáls saga]]'' del XIII secolo (capitolo 153), [[Gormflaith ingen Murchada|Gormflaith]] chiese al figlio [[Sigtrygg Barba di Seta]] di chiedere a Sigurd di aiutarla a combattere contro il suo ex marito, [[Brian Boru]]:
:"{{citazione|...ella lo inviò al conte Sigurd per chiedere aiuto... Sigtrygg salpò per l'[[Irlanda]] e disse alla madre che il jarl si era unito a lui."}}
 
In una fonte irlandese del XII secolo, il ''[[Cogad Gáedel re Gallaib]]'', vengono raccontati gli eventi della [[battaglia di Clontarf]] del 1014. Gli "stranieri e abitanti di [[Leinster]]" furono guidati da [[Brodir ed Ospak di Man|Brodir]] dell'[[isola di Man]] e da Sigurd, e la battaglia durò tutto il giorno. Anche se Brian morì in battaglia, gli irlandesi riuscirono a cacciare indietro i nemici fino al mare, e lo stesso Sigurd fu ucciso. Sigurd lasciò quattro figli: [[Brusi Sigurdsson|Brusi]], [[Sumarlidi Sigurdsson|Sumarlidi]], [[Einar Sigurdsson|Einar]] e [[Thorfinn Sigurdsson|Thorfinn]], ognuno dei quali ebbe il titolo di ''Conte delle Orcadi''.