Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
Nonostante l'idea di una società comunista si sia sviluppata fin dall'antichità, i termini [[socialismo]] e comunismo sono {{citazione necessaria|di origine [[XVIII secolo|settecentesca]]}} e divengono di uso comune solo con l'affermarsi della [[Rivoluzione industriale]]. Nonostante ciò, il termine ''comunismo'' spesso viene usato per descrivere tutte le teorie, anche antecedenti alla nascita del termine, che prevedono il possesso collettivo dei mezzi di produzione e l'abolizione della [[proprietà privata]]. Molte di queste teorie però mancano di alcune fondamentali caratteristiche del comunismo moderno e contemporaneo (in particolar modo l'assenza di [[classe (sociale)|classi]] e l'egualitarismo). In questi casi si usano quindi anche termini differenti per marcare questa differenza: si parla di teorie ''comunistiche'', o di ''comunismo [[ante litteram]]''.
 
Fino alla pubblicazione del glorioso [[Manifesto del Partito Comunista]] nel [[1848]], i termini socialismo e comunismo erano considerati intercambiabili. Nell'opera, invece, Marx ed Engels operano la suddivisione tra «socialismo utopistico» e «socialismo scientifico», che essi chiamano anche comunismo. Gli autori volevano evidenziare polemicamente le differenze tra le teorie socialiste allora diffuse ([[Henri de Saint-Simon|Saint-Simon]], [[Charles Fourier|Fourier]], [[Proudhon]] e [[Robert Owen|Owen]]) e la loro, che si proponeva di essere scientifica volendosi basare su fatti e leggi, e non su idee od utopie. Scrivono infatti nel ''Manifesto'': «Le proposizioni teoriche dei comunisti non poggiano affatto su idee, su principi inventati o scoperti da questo o quel riformatore del mondo. Esse sono semplicemente espressioni generali di rapporti di fatto di una esistente lotta di classi, cioè di un movimento storico che si svolge sotto i nostri occhi». Nonostante le loro affermazioni, molti hanno criticato che il marxismo sia in effetti scientifico: in particolare [[Karl Popper]], che basa la sua critica sulla non [[falsificabilità]] delle teorie marxiste.
 
In ogni modo il termine comunismo continuò a essere un sinonimo di socialismo per tutto l'[[XIX secolo|Ottocento]]: basti ricordare che i partiti che prendevano parte alla [[Seconda internazionale]], tutti di ispirazione marxista, venivano tutti denominati ''socialisti'' o ''socialdemocratici''. La definitiva separazione dei due termini avvenne per iniziativa di Lenin: nel [[1917]] il [[Partito Operaio Socialdemocratico Russo]], per evidenziare il distacco tra le posizioni del [[socialismo riformista]] e il [[socialismo rivoluzionario]], assunse la denominazione di [[Partito Comunista dell'Unione Sovietica|Partito Comunista Russo]]. Da allora si definiscono comunisti tutti i partiti di ispirazione rivoluzionaria, mentre socialisti o socialdemocratici si definiscono i partiti sostenitori di un avanzato programma di riforme. Questi ultimi possono rimanere nell'alveo della società capitalistica senza proporsi l'obiettivo di una trasformazione socialista della società oppure promuovere leggi volte a cambiare il sistema sociale da capitalista a socialista.
Utente anonimo