Differenze tra le versioni di "Pino Zac"

203 byte aggiunti ,  7 mesi fa
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta9))
 
Nel [[1981]] illustra, in Francia, una rara edizione di [[Tarocchi]], i ''"Tarot de l'an 2000"''. Nel [[1983]] fonda ''L'Anamorfico'', una rivista anch'essa di satira politica che uscì per 5 numeri, da novembre 1983 a marzo 1984. La rivista era composta da una cartelline contenente sei fogli separati. Ognuno di questi si apriva tre volte, fino ad ottenere 4 facciate da 43x60 cm, grosso modo le dimensioni dei quotidiani di grande formato dell'epoca. Questo formato veniva utilizzato anche dall'intero numero de [[Il Male|Male]] quando contevenva parodie di grandi quoitidiani dell'epoca. Le pagine ospitavano spesso, ma non sempre, disegni [[Anamorfismo|anamorfici]]. La rivista pubblicò disegni di i [[Yves got]], [[Paola Marchesin]], [[Flavio Costantini]], [[Furio Scarpelli]] oltre ad alcuni fra i più grandi illustratori europei, e scritti di [[Oliviero Beha]], [[Oreste del Buono]], [[Antonio Amurri]], [[Maurizio Costanzo]], [[Paolo Liguori]], [[Bruno Ballardini]], [[Valter Vecellio]], Fabio Di Iorio, Franco Valobra e altri ancora.
 
Dall'83 e fino alla sua morte, nel 1985, ebbe una rubrica dal titolo 'Allegro assai' sul mensile di musica Piano Time diretto da Pietro Acquafredda, nella quale pubblicò disegni di soggetto musicale
 
Negli ultimi anni di vita si trasferisce a [[Fontecchio]] ([[L'Aquila]]), dove un infarto<ref>[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1985/08/27/un-infarto-ha-stroncato-pino-zac.html ''Un infarto ha stroncato Pino Zac'', La Repubblica, 27 agosto 1985]</ref> lo stronca a soli 55 anni.
 
===Dopo la mortemortu===
Nel [[2015]] la [[72ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia]] rende omaggio a Pino Zac nel suo trentennale dalla morte con la selezione<ref>Nella nuova sezione [http://www.labiennale.org/it/cinema/archivio/mostra-72/film/sel-uff/il-cinema-nel-giardino/zac.html?back=true Il Cinema nel Giardino]</ref> di [http://www.cinemaitaliano.info/zacifioridelmale ZAC - I Fiori del MALE], film documentario di Massimo Denaro con la partecipazione di Drahomira Biligova, [[Jacopo Fo]], [[Riccardo Mannelli]], [[Vincenzo Sparagna]], [[Vauro Senesi|Vauro]], [[Vincino]], Valter Zarroli. Ripercorrendo la sua attività di regista - animatore, nonché di autore satirico negli anni della sua direzione al giornale satirico [[Il Male]], il film costituisce denuncia dei trent'anni di silenzio calati sulla memoria artistica di Pino Zac. Il film è prodotto dal [[Centro sperimentale di cinematografia]], sede Abruzzo, ed è girato, in parte, nell'ultima residenza a [[Fontecchio]].
 
Utente anonimo