Differenze tra le versioni di "Giuseppe Emanuele Modigliani"

- immagine priva di requisiti essenziali
(- immagine priva di requisiti essenziali)
 
Nella serrata dialettica interna ai socialisti degli [[anni 1920|anni venti]] cercò, senza successo, di evitare la scissione fra [[Riformismo|riformisti]] e [[Massimalismo (politica)|massimalisti]]. Dichiarato decaduto nel [[1926]] assieme agli altri parlamentari dell'opposizione, rappresentò come [[avvocato]] la parte civile nel processo relativo all'omicidio di [[Giacomo Matteotti]], quando ormai il [[fascismo]] si consolidava al potere.
[[File:Buozzi-nenni-modigliani.jpg|thumb|left|Modigliani con [[Bruno Buozzi]] e [[Pietro Nenni]] (al centro) in esilio a [[Parigi]] negli [[anni 1930]].]]
Insieme alla moglie Vera intraprese la via dell'[[esilio]], continuando la sua attività di propaganda [[antifascismo|antifascista]] e divenendo rappresentante italiano all'[[Internazionale socialista]].
 
436 265

contributi