Differenze tra le versioni di "Margherita di Valois"

m
(→‎Fonti secondarie: Aggiunto libro)
Durante l'infanzia, Margherita ebbe un ottimo rapporto con tutti i fratelli, con cui condivise la crescita. Protesse il fratello minore [[Francesco Ercole di Valois|Francesco d'Alençon]]<ref>{{Cita|Garrisson, 1994|p. 17.}}</ref> e acquietava le irrequietezze del fratello [[Carlo IX di Francia|Carlo IX]]<ref>{{Cita|Frieda, 2005|p. 248.}}</ref> che, molto affezionato a lei, le dette il soprannome «Margot».<ref>Nonostante il soprannome sia divenuto famoso grazie al romanzo di [[Alexandre Dumas padre|Alexandre Dumas]], pare che solo Carlo chiamasse la sorella con quel diminutivo, derivato probabilmente dal nome del personaggio interpretato da Margherita in una [[pastorale]] di [[Pierre de Ronsard|Ronsard]], recitata dai ''[[Fils de France]]'' a [[Castello di Fontainebleau|Fontainebleau]] nel carnevale 1564 ({{Cita|Viennot, 1994|p. 22.}}).</ref> Il fratello con cui in adolescenza strinse un legame profondo fu [[Enrico d'Angiò]], il figlio prediletto di Caterina (per questo oggetto di gelosie di tutti i fratelli) e di cui Margherita si riterrà sempre esserne l'''[[alter ego]]'', definendosi suo «fratello».<ref>{{Cita|Viennot, 1994|p. 14.}}</ref>
 
Da un'analisi delle ''[[Memorie (Margherita di Valois)|Memorie]]'' emerge come Margherita avesse una così alta idea di sé dal comportarsi più come un principe, alla pari dei suoi fratelli, che come una donna soggetta alle numerose norme sociali dell'epoca.<ref>{{Cita|Craveri, 2008|p. 66.}}</ref> Nonostante non avesse tratti particolarmente fini, grazie al suo carisma e ad una grande padronanza dei trucchi e delle acconciature, fu considerata [[attrazione sessuale|estremamente seducente]].<ref>{{Cita|Frieda, 2005|pp. 280-281.}}</ref> Vivace, intelligente e vanitosa, Margherita possedeva soprattutto un carattere orgoglioso, altero e testardo. Fin dall'adolescenza dimostrò di essere estremamente ambiziosa, volendo giocare anch'ella un ruolo politico nelle dinamiche del regno.<ref>{{Cita|VillarsVaissière, 1940|pp. 7-8.}}</ref>
 
====Primi passi in politica====
580

contributi