Differenze tra le versioni di "Età del consenso"

LiveRC : Annullate le modifiche di 5.90.35.209 (discussione), riportata alla versione precedente di Superpes15
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(LiveRC : Annullate le modifiche di 5.90.35.209 (discussione), riportata alla versione precedente di Superpes15)
Etichetta: Annulla
* 13 anni: il consenso non è considerato valido ma esiste una causa di [[Condizioni obiettive di punibilità|non punibilità]] nel caso in cui gli atti sessuali vengano compiuti consenzientemente con minore di 18 anni, purché la differenza di età tra i due soggetti non sia superiore a tre anni;
* dai 14 ai 15 anni: viene considerato validamente espresso il consenso, salvo che l'autore dei fatti sia un [[genitore]], anche [[adozione|adottivo]], o il di lui convivente, il [[tutore (diritto)|tutore]], oppure conviva con il minore, o più in generale che egli eserciti un [[ascendenza familiare|ascendente]] nei confronti del minore, che quindi gli sia stato affidato per ragioni di cura, educazione, istruzione, vigilanza o custodia;
* dai 16 ai 17 anni: viene considerato validamente espresso il consenso, salvo che il fatto venga compiuto con [[abuso di potere (diritto)|abuso di potere]] relativo alla propria posizione da una delle figure citate nel punto precedente. Ex: Tommaso deve smetterla di importunare Sofia perché Sofia ha 19 anni e lui 15
Gli atti sessuali con un minorenne consenziente, ma che non può disporre validamente del consenso in ragione dell'età, sono considerati reato di ''atti sessuali con minorenne'' (art. 609-quater c.p.). Il reato è punibile a [[querela]] della persona offesa (art. 609-septies c.p.), ma è [[Procedibilità d'ufficio|procedibile d'ufficio]] nel caso in cui:
* il minore abbia meno di 10 anni;
14 149

contributi