Differenze tra le versioni di "Fortezza di Poggio Imperiale"

dati infobox e piccole modifiche
(dati infobox e piccole modifiche)
{{Infobox struttura militare
|Struttura = fortezza
|Nome = Fortezza di Poggio Imperiale
|Immagine = cassero poggib.jpg
|Didascalia =
|Stato = ITA
|Suddivisione = {{IT-TOS}}
|Città = Pogibonsi[[Poggibonsi]]
|Tipologia = Fortezza
|Inizio costruzione = 1488
|Termine costruzione = 1511
|Costruttore = [[Giuliano da Sangallo|Giuliano]] e [[Antonio da Sangallo il Vecchio|Antonio da Sangallo]]
|Altezza =
|Demolizione =
|Condizione attuale = Restaurata
|Azioni di guerra =
|Visitabile = sì
|Ref =
}}
[[File:cassero poggib.jpg|thumb|upright=1.6|Fortezza di Poggio Imperiale]]
La '''fortezza di Poggio Imperiale''' è un'architettura militare situata a [[Poggibonsi]].
 
La fortezza venne costruita su progetto di [[Giuliano da Sangallo]] tra il [[1488]] e il [[1511]] e costituisce la realizzazione più importante tra quelle previste da [[Lorenzo il Magnifico]] per il rafforzamento delle difese territoriali, a seguito di episodi bellici che avevano visto, nel [[1478]] tutta la zona sud del dominio fiorentino saccheggiata dalle truppe aragonesi che aveva evidenziato l'inutilità delle strutture militare fin lì realizzate.
 
Nel progetto di Poggibonsi Giuliano da Sangallo ed il fratello [[Antonio da Sangallo il Vecchio|Antonio]], che si occupò dei lavori dal 1496, applicarono le più avanzate innovazioni nel campo della "[[fortificazione alla moderna]]", che proprio tra il [[XV secolo|XV]] e [[XVI secolo]] stava rivoluzionando l'architettura militare a seguito dell'introduzione della armi da fuoco.
In particolare l'architettura della fortezza, che assume un ruolo importante nella storia dell'architettura militare, è caratterizzata dal fronte bastionato (tratti di mura da cui sporgono massicci torrioni), dall'assenza del camminamento di ronda in aggetto su beccatelli, e dalla forma poligonale dei bastioni. Quest'ultimo punto rappresenta per i Sangallo un'importante evoluzione, abbandonando le forme circolari dei bastioni utilizzate dalla bottega di [[Francione (architetto)|Francione]] a cui hanno fatto riferimento negli anni della loro formazione professionale.<ref>D. Taddei, ''Giuliano e Antonio da Sangallo'' in "L'architettura militare nell'età di Leonardo" Atti del Convegno, 2007, pp. 231-253</ref>
 
La torre di San Francesco si trova appoggiata alla parte retrostante di porta San Francesco. Si tratta di una torre a pianta a forma di U, ed al suo interno possiamo ancora vedere le buche si alloggiamento dei ripiani in legno e delle scale di acesso alla sommità. Attualmente risulta parzialmente interrata alla sua base a seguito della costruzione della cinta muraria medicea e mozzata alla sua sommità, la sua altezza originaria era con tutta probabilità molto maggiore all'attuale. La torre risale alla seconda metà del [[XIII secolo]] e venne realizzata per difendere l'antico borgo dei conti Guidi, Poggibonizzo. Venne salvata da Giuliano da Sangallo che la inserì nel circuito murato e venne utilizzata come bastione di difesa della porta San Francesco.
Superato l'androne di porta San Francesco attraverso una strada in terra battuta si arriva prima all'area di scavi archeologici che stanno rimettendo in luce l'antica Poggibonizzo e successivamente si arriva alla fortezza vera e propria.
 
=====Immagini delleLe porte prima e dopo il restauro del 2014/2015=====
 
<gallery>
 
Dai bastioni della fortezza si gode un notevole panorama su Poggibonsi e i suoi immediati dintorni, lo sguardo spazia dalle colline del Chianti, alle colline Metallifere in direzione del Mar Tirreno, agli Appennini a Nord.
 
==Note==
<references/>
10 391

contributi