Differenze tra le versioni di "Elaborazione digitale delle immagini"

Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta15)
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta15))
Il tipo più noto di elaborazione digitale delle immagini è l'editing o fotoritocco, che si può effettuare tramite degli appositi software tra cui i più famosi sono [[GIMP]] e [[Photoshop]]. Sostanzialmente, l'editing di immagini consiste nell'alterare l'immagine originale sia in maniera elementare, per esempio rendendola più luminosa o tagliandone i margini, sia in maniera più profonda rimuovendo o aggiungendo cose o persone o cambiandone dei dettagli come le imperfezioni della pelle o le dimensioni dei seni.
 
L'elaborazione avviene partendo dal fatto che le [[Grafica raster|immagini raster]] sono memorizzate in forma di matrice di [[pixel]], ognuno dei quali contiene il colore e la luminosità del punto.<ref>{{en}} [https://www.ti.com/lit/wp/spry105/spry105.pdf Getting the Most Out of Your Image-Processing Pipeline] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20160304042945/http://www.ti.com/lit/wp/spry105/spry105.pdf |date=4 marzo 2016 }}</ref> I programmi di fotoritocco permettono a un utente di cambiarne questi i valori indicando manualmente quali operazioni devono essere effettuate in quali zone, tra i numerosi tipi di operazioni che possono essere svolte una delle più frequenti è la copia di parti dell'immagine in altre zone, per esempio copia di una zona erbosa su un particolare da nascondere o copia di una zona di pelle sana su un'imperfezione, detta ''strumento clona''.
 
L'elaborazione di immagini in modo digitale presenta molti vantaggi rispetto all'[[elaborazione analogica]], in particolare è possibile eseguire su immagini digitali operazioni molto complesse e il numero delle operazioni che si possono effettuare è nettamente maggiore. Con la diffusione e il perfezionamento dei computer l'elaborazione analogica delle immagini è stata praticamente abbandonata.
1 279 988

contributi