Differenze tra le versioni di "Luto"

350 byte rimossi ,  2 anni fa
m
Bot: sintassi delle note e modifiche minori
m
m (Bot: sintassi delle note e modifiche minori)
[[File:Alchemist_at_work.jpg|miniatura| Un alchimista sistema i suoi strumenti, con scatola di luto e coltello sul tavolo (incisione, 1576) ]]
[[File:03_terracottawarriors-greenarcher.jpg|miniatura| Soldato [[Esercito di terracotta|dell'Esercito di Terracotta]], composto da diverse parti lutate insieme prima di esser state cotte]]
Il '''luto''' (dal [[Lingua latina|latino]] ''Lutum'', che significa fango, argilla, ecc.) <ref>[[wiktionary:lute|Lute]], etymology 2 (Wiktionary).</ref> era una sostanza usata per sigillare e fissare gli apparecchi impiegati in [[chimica]] e [[alchimia]] e per proteggerli dal danno da calore provocato dal fuoco; era anche usato per la linea di saldatura di [[Forno metallurgico|forni metallurgici]] . ''La lutazione, o lutatura,'' era quindi l'atto di "cementare vasi con luto".
 
Nella [[Lavorazione della ceramica|ceramica]], la lutazione è una tecnica per unire insieme pezzi di [[argilla]] non cotta, ma della durezza simile al cuoio, usando uno strato di argilla bagnata come adesivo. L'oggetto completo viene quindi cotto. Ad esempio le figure [[Esercito di terracotta|dell'Esercito di Terracotta]] nell'antica Cina sono state costruite in questo modo. I bordi uniti possono essere segnati o tratteggiati per promuovere l'adesione, ma l'argilla e l'acqua sono gli unici materiali utilizzati.
 
== Usi ==
Il luto era comunemente usato nella [[distillazione]], che richiedeva contenitori ermetici e connettori per garantire che non si perdessero vapori; era quindi impiegato da chimici e [[Alchimia|alchimisti]], essendo a questi ultimi noto come "''lutum sapientiae''" o "''luto della saggezza''". <ref>Stanton J. Linden. ''The alchemy reader: from Hermes Trismegistus to Isaac Newton'' (Cambridge University Press, 2003) p. 79.</ref>
[[File:The_Alchemist’s_Experiment_Takes_Fire_1687_CHF_fa_2000.001.276.JPG|destra|miniatura| ''L'esperimento dell'alchimista prende fuoco'', Hendrick Heerschop, 1687 ( Chemical Heritage Foundation ) ]]
I vasi di terracotta e di vetro comunemente impiegati in questi processi erano molto vulnerabili alle crepe e fessurazioni, sia durante il riscaldamento che il raffreddamento; un modo per proteggerli era rivestire i vasi con luto e permettergli di tornare a temperatura. Una miscela per questo scopo includeva "terra grassa" (terra pinguis), terriccio di Windsor, sabbia, limatura di ferro o [[vetro]] in polvere e peli di mucca. <ref name="brittania">Encyclopædia Britannica. ''Eighteenth Century Chemistry as It Relates to Alchemy'' (reprinted Kessinger Publishing, 1992) p. 78-79.</ref>
 
Un altro uso del luto era quello di agire come una [[valvola di sicurezza]], evitando che l'accumulo di [[Pressione di vapore|vapori]] provocasse la rottura di un alambicco e probabilmente causasse un'esplosione. A tale scopo veniva forato il vaso e il foro coperto con materiale di ''lutaggio'' di una particolare composizione, tenuto morbido in modo che un eccessivo accumulo di vapore ne provochi il distacco dal vaso, liberando così la pressione in modo sicuro. Questo processo potrebbe anche essere eseguito manualmente dall'operatore che rimuove e riposiziona il luto come richiesto. Il luto veniva anche usato per effettuare riparazioni su vasi di vetro incrinati. <ref name="brittania">Encyclopædia Britannica. ''Eighteenth Century Chemistry as It Relates to Alchemy'' (reprinted Kessinger Publishing, 1992) p. 78-79.</ref> In ''The Alchemist's Experiment Takes Fire'', 1687, un [[alambicco]] sta esplodendo; il luto usato per sigillare una bottiglia ricevente ad un altro alambicco può essere visto dietro il braccio sollevato dell'alchimista.
 
Il liuto veniva applicato frequentemente alle articolazioni tra i vasi (come le [[Storta|storte]] e i ricevitori), rendendoli ermetici e impedendo la fuoriuscita del vapore; ciò era particolarmente importante per i vapori "spiritosi" più penetranti e richiedeva una miscela che si sarebbe fissata duramente, come un mix di [[Ossido di calcio|calce viva]] e [[albume]] o simili. Un luto più solido doveva essere usato per confinare i vapori acidi, e a questo scopo venivano mescolati insieme grasso, terra e [[olio di lino]], per formare il "l''uto grasso''"<ref>"Fat earth" is an old name for clay [[loam]].</ref>, che poteva venire arrotolato in cilindri di dimensioni convenienti, pronti per l'uso. <ref>See the entry for "Lute" from: [[Andrew Ure]] & [[William Nicholson (chemist)|William Nicholson]]. ''[https://books.google.com/books?id=vidAAAAAIAAJ&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false A Dictionary of Chemistry]'' (Robert Desilver, 1821).</ref>
 
Un altro uso correlato del luto era per il rivestimento delle fornaci, descritto fin dal XVI secolo da [[Georg Agricola]] nel suo "[[De re metallica]]". <ref>Sally Newcomb. ''The world in a crucible'' (Geological Society of America, 2009) p. 33.</ref>
 
== Composizione ==
''Il luto grasso'' era fatto di argilla mescolata con olio e sbattuta fino a ottenere la consistenza del [[mastice]]. Poteva essere immagazzinato in un vaso di terracotta sigillato, che avrebbe mantenuto l'umidità e perciò la flessibilità del materiale. <ref name="metropolitana">[https://books.google.com/books?id=DztOAAAAYAAJ&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false Encyclopaedia Metropolitana, Mixed Sciences, volume 2]'' (Printed for Baldwin and Cradock, 1830). pp. 602-4.''</ref> Uno scrittore alchemico del XVI secolo raccomandava un luto composto da "terriccio mescolato a un concime con [[Letame|sterco di]] cavallo" <ref>C. J. S. Thompson. ''[https://books.google.co.uk/books?id=yg0pVQtPUxcC&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false Lure and Romance of Alchemy]'' (George G Harrap & Co Ltd.) p. 117</ref> mentre il chimico francese [[Jean-Antoine Chaptal|Chaptal]] usava una miscela simile di "terra grassa" e sterco di cavallo, mescolato in acqua e formato in una pasta morbida. <ref>''[https://books.google.com/books?id=mftPAAAAMAAJ&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false Encyclopaedia Perthensis; or Universal dictionary of the arts, volume 5]'' (John Brown, 1816) p. 333.</ref>
 
''Il cemento duro'' era anche comunemente usato per unire vasi di vetro e fissare crepe; era composto di resina, [[cera d'api]] e polvere di mattoni o "bole earth", o [[Ocra|rosso ocra]] o [[rosso veneziano]] . ''Il cemento morbido'', fatto di [[Cera d'api|cera gialla]], [[Essenza di trementina|trementina]] e rosso veneziano, è stato anche usato per la riparazione. <ref name="metropolitana">[https://books.google.com/books?id=DztOAAAAYAAJ&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false Encyclopaedia Metropolitana, Mixed Sciences, volume 2]'' (Printed for Baldwin and Cradock, 1830). pp. 602-4.''</ref>
 
== Note ==
3 215 561

contributi