Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 mesi fa
nessun oggetto della modifica
== Il contesto ==
[[File:Logo Fiat Bravo II.jpg|sinistra|miniatura|Dettaglio del logo di una Fiat Bravo]]
Il compito di questa vettura era di rilanciare FIAT nel [[Segmento C|segmento delle medie compatte]] (dopo il successo ottenuto delladalla [[Fiat Grande Punto|Grande Punto]] in quello delle [[Utilitaria|utilitarie]]); per farlo si presentava con la sola carrozzeria [[berlina 2 volumi]] a 5 porte, riprendendo tuttavia certi elementi del posteriore della vecchia Bravo, come il caratteristico taglio dei fari a "occhio d'insetto", che era presente solo in versione 3 porte. Lo sviluppo post-progettuale è stato affidato all'[[austria]]ca [[Magna Steyr]] che ha collaborato con i tecnici FIAT prevalentemente nella fase di prototipizzazione e collaudo dell'autovettura, allo scopo di avere in brevissimo tempo una macchina finita (il progetto definito è stato approvato dai vertici solo nell'aprile [[2006]]). Per sviluppare la vettura in soli 18 mesi la FIAT e la Magna Steyr hanno utilizzato la tecnologia di simulazione virtuale che ha permesso una riduzione dei tempi d'industrializzazione<ref name="Fiat conferma il ritorno della Bravo, la nuova auto progettata con Magna Steyr"/>.
 
Il design della Bravo, curato da [[Alberto Dilillo]] insieme a Emanuele Bomboi e [[Frank Stephenson]], si basa su un'evoluzione dello stile [[Giugiaro]] introdotto dalla [[Grande Punto]]. Il frontale è dominato da una [[calandra (veicoli)|calandra]] sdoppiata rifinita con [[cromo|cromature]] con la zona superiore che ingloba il nuovo marchio FIAT a sfondo [[rosso]]; nella parte inferiore dei paraurti sono presenti delle leggere nervature in rilievo con delle prese d'aria che ospitano i fendinebbia (presenti per le versioni di punta o a pagamento). La [[Fanale (veicoli stradali)|fanaleria]] frontale a forma di [[goccia]] si integra perfettamente tra il cofano [[motore]] e i passaruota laterali. La fiancata è caratterizzata dalla linea di cintura che risale lungo il posteriore e viene resa filante grazie alla vetratura sottile dalle cornici cromate (per le versioni di punta). Il posteriore è composto da un cofano baule bombato che ospita il lunotto a cuneo di piccole dimensioni (penalizza la visibilità), il paraurti incorpora la targa nell'apposito vano inferiore.
Utente anonimo